A Vitulano l’arte in montagna.

0
213

Un’installazione artistica interattiva frutto di un’esperienza collettiva fatta in un luogo particolare, il Monte Pentime di Vitulano (Benevento), nella chiesetta di San Menna e nell’area circostante il luogo di culto dedicato al santo patrono del centro sannita.

Protagonisti gli artisti Marco Victor Romano e Germano Serafini ed un gruppo di studenti dal Corso di Decorazione dell’Accademia di Belle Arti di Napoli tenuto dalla professoressa Adriana De Manes e Paola Redaelli.

Il ‘corpo di lavoro’ nato dal “Workshop 24:24 Epiphanìa di Romano|Serafini” effettuato all’Eremo di San Menna, sarà presentato questa sera nella Pinacoteca Civica d’Arte Contemporanea del comune sannita, in collaborazione con la Galleria Casa Turese di Vitulano.

La mostra (inaugurazione alle 18:18, visitabile fino al 31 gennaio 2020) prevede l’allestimento dell’installazione realizzata durante il workshop e del materiale documentativo di tutta l’esperienza (durata 24 ore senza dormire), “concettualizzata – spiegano i promotori – nella prima fase del progetto durante la residenza sul Monte Pentime e realizzata successivamente dagli allievi partecipanti (Camilla Calandro, Ilaria Donnabella, Francesca Faiola, Grazia Ferrara, Daini Liu / Ania, Giampaolo Sellitto) all’interno dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. La Scuola di Decorazione dell’Accademia, si sottolinea, da alcuni anni promuove attività didattiche che privilegiano il rapporto con il territorio e l’ambito sociale.
A supporto dell’attività didattica accademica la Scuola propone il progetto TTime, “esperienze artistiche contemporanee articolate in una serie di workshop. Ciascuna esperienza si propone la costruzione di un’opera collettiva in uno spazio antropico o naturale con la conduzione di artisti emergenti con cui condividere sia il lavoro concettuale che laboratoriale”.

Ripercorrendo le tracce del lavoro degli artisti Marco Victor Romano e Germano Serafini, realizzato in occasione della mostra 24:24 Epiphania, allestita nel dicembre 2018 nel Centro delle Arti Contemporanee Trebisonda di Perugia, il workshop si propone di “rielaborare l’esperienza attraverso un lavoro concettuale e percettivo collettivo, facendo sì che la sintesi progettuale sia frutto di dinamiche inaspettate, genitrici di nuove espressioni artistiche”. Dal canto suo il sindaco Raffaele Scarinzi sottolinea: “Il luogo scelto per vivere un’esperienza creativa e collettiva è connotato dalla spiritualità e dimostra, ancora una volta, le grandi potenzialità e occasioni di crescita del nostro territorio”.

La scelta di presentare i risultati del workshop presso la Pinacoteca Civica d’Arte Contemporanea di Vitulano, in collaborazione con la Galleria Casa Turese, per iniziativa del sindaco Scarinzi, di Tommaso De Maria e del parroco Don Biagio Corleone con Fagus-Territori in crescita, deriva dall’intenzione di poter esporre nello stesso territorio in cui è avvenuta l’esperienza, creando una rete di connessioni tra realtà locali che si occupano di arte contemporanea, il duo Romano|Serafini e i giovani allievi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO