IIA, verso una gestione a prevalenza pubblica.

0
379

Gestione a prevalenza pubblica. Potrebbe essere questo il futuro dell’ex Irisbus. E’ quanto emerso ieri nel corso del vertice al Mise. Un incontro che si è tenuto in ministero alla vigilia dell’assemblea dei soci della Industria Italiana Autobus, chiamata a deliberare la necessaria ricapitalizzazione.

Intanto i vertici del gruppo Ferrovie dello Stato ribadiscono la propria manifestazione di interesse a partecipare al nuovo assetto societario. I rappresentanti di Invitalia e di Ferrovie dello Stato hanno formalizzato il tutto sosttroscrivendo un documento ufficiale inviato alla Industria Italiana Autobus.

Oggi una delegazione di lavoratori degli stabilimenti di Bologna e valle Ufita tornerà a Roma per tenere alta l’attenzione sul caso.

“Ci sono tutti i presupposti – è il commento del deputato M5S Generoso Maraia – per dare una soluzione positiva alla vertenza. C’è la volontà di innovare il profilo industriale dell’azienda tramite la produzione di veicoli ibridi, elettrici e ad idrogeno, nell’ottica di un efficientamento energetico del trasporto pubblico locale».

Per il sottosegretario irpino all’Interno Carlo Sibilia: «Quanto preannunciato qualche settimana fa dal vicepremier Luigi Di Maio per le sorti della ex Irisbus ha trovato conferma. Il Governo sta lavorando con fermezza non solo per risolvere la vertenza ma, soprattutto, per dare risposte certe ai lavoratori, fino ad oggi in balia delle decisioni poche chiare del precedente Governo che vedeva l’Irpinia come una zavorra. Invece stiamo lavorando tutti affinché in Irpinia si tornino a fabbricare autobus. Questione di mesi si potrebbe dire».

Secondo Maria Pallini M5S: «Un altro risultato positivo raggiunto ieri presso il Ministero dello Sviluppo economico. Dopo lo sblocco della vertenza Ipercoop arriva nel tardo pomeriggio la tanto attesa fumata bianca per l’Industria Italiana Autobus. Sono davvero soddisfatta per l’ottimo lavoro svolto presso il Mise da tutti gli attori scesi in campo per salvare la IIA, a cominciare dai vertici del Dicastero retto da nostro Luigi Di Maio Dal tavolo tecnico di ieri è emerso chiaro l’interesse di Ferrovie dello Stato, Leonardo ed Invitalia per un nuovo piano industriale di rilancio dell’azienda e per la tutela dei livelli occupazionali.
FS ha confermato la volontà di partecipare attivamente al progetto, come già annunciato nell’incontro dello scorso 13 settembre. Leonardo ha rappresentato l’intenzione di consolidare la propria partecipazione societaria nell’azienda, manifestando la disponibilità, ove necessario, per un eventuale incremento azionario.
Invitalia, sulla base degli strumenti a sua disposizione, ha ribadito la volontà di perseguire nell’operazione di rilancio della società, garantendo un ruolo proattivo e di coordinamento con Ferrovie dello Stato e Leonardo».

«Con l’incontro di ieri, presieduto dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, sono stati quindi messi in campo tutti quegli strumenti utili in vista della prossima assemblea dei soci di IAA, al fine di proseguire nel percorso di rilancio e di consolidamento della produzione di autobus. Il Mise, infine, ha chiesto all’azienda di procedere celermente al pagamento degli stipendi di settembre ai lavoratori. A tal proposito si è registrata la disponibilità da parte di Busitalia di procedere in tempi brevi con il pagamento di fatture che dovranno servire a IIA per coprire le spese degli stipendi dei lavoratori.»

LASCIA UN COMMENTO