Polieco di Conza, crisi superata grazie all’intesa con i sindacati.

0
609

“Riusciamo a migliorare le condizioni dei lavoratori e mantenere il lavoro, quando non si parla dell’io o del prima qualcuno, ma ci si ritrova tutti insieme a condividere i valori fondanti, tutto diventa possibile, a tratti romantico.” Così il segretario Filctem Avellino, Carmine De Maio.

La storia si svolge nella zona Industriale di Conza della Campania, l’azienda é la Polieco Mpb che ha 34 addetti tra lavoratrici e lavoratori. Da diverso tempo era in una serie crisi produttiva.

Nel giugno del 2018, al termine del contratto di solidarietà e avendo utilizzato tutti gli ammortizzatori sociali, al fine di evitare riduzioni del personale ed aggravare l’impatto sociale di quel territorio, le sigle sindacali Filctem Cgil–Femca Cisl–Uiltc Uil con la società Polieco giunsero, dopo aspre discussioni, confronti carichi di tensioni tra le parti e assemblee con i lavoratori per evitare licenziamenti, alla stipula di un’intesa con la quale si concordava che dal 1 agosto 2018 al 30 Luglio 2019 seguendo il principio solidaristico del “lavorare meno lavorare tutti“, confidando nella ripresa produttiva, una riduzione dell’orario di lavoro pari al 25% per intenderci perdita del 25% del salario pari ad una media mensile di 250/300.

A distanza di 9 mesi la società Polieco, nelle persone di Francesco Moretti ed Ermanno Binetti, nell’incontro tenutosi ieri presso Confindustria Avellino hanno comunicato che grazie agli sforzi compiuti da tutti per recuperare competitività e produzione, si rende necessario il ripristino dell’orario di lavoro a 40 settimanali a far data dal 1Maggio, festivo, data importante e significativa e senza retorica. È una notizia importante che chiude il cerchio di questa piccola ma significante storia di solidarietà ed unione, il gruppo vince sempre sul singolo.

La Filctem Cgil, nella persona del Segretario Generale Carmine De Maio «Sono felice. Personalmente questa giornata mi ha riempito il cuore e fortificato lo spirito, ci ho creduto come Filctem e discusso approfonditamente con i lavoratori che inizialmente erano preoccupati, ma mai arrendersi. In questo modo abbiamo convinto lavoratori e proprietà e il lavoro e la lotta, la convinzione ci hanno consegnato questo grande risultato! Ancor più importante perché è ottenuto in Alta Irpinia, in una realtà che sta soffrendo anche le criticità viarie e relativi costi».

LASCIA UN COMMENTO