Accordo Ue-piattaforme social: contenuti propagandistici rimossi entro 24 ore.

0
583

Facebook Inc. announced that it will purchase smartphone-messaging app company WhatsApp Inc. for $19 billion in cash and stockLa Commissione ha firmato con Facebook, Twitter, YouTube e Microsoft un “codice di condotta” contro la diffusione online della propaganda del terrorismo e del razzismo. Il codice permette la “rimozione entro 24 ore” dei “messaggi di odio” dal web. Lo ha annunciato la Commissaria Ue per la giustizia, Vera Jourova. La definizione di contenuti illegali si fonda sulla Decisione quadro per combattere il razzismo e la xenofobia che, è scritto in una nota, “definisce reato il pubblico incitamento alla violenza o all’odio contro persone o gruppi di persone con riferimento a razza, colore, religione, discendenza nazionale o etnica”.

“I recenti attacchi terroristici – ha detto Jourova – ci hanno ricordato l’urgenza di affrontare i messaggi illegali di odio. I social media purtroppo sono uno degli strumenti che i gruppi terroristici usano per radicalizzare i giovani ed i razzisti sfruttano per diffondere violenza e odio. Questo accordo è un importante passo avanti per garantire che internet resti un luogo di espressione democratica e libera, dove sono rispettati i valori europei”. Il Codice di condotta prevede che i giganti del web stabiliscano le procedure interne e l’addestramento del personale necessari per garantire che la maggioranza dei contenuti illegali possa essere rimossa o bloccata entro 24 ore. Inoltre le società rafforzeranno le partnership con le organizzazioni della società civile che segnalano i contenuti che incitano alla violenza e all’odio.

I responsabili della comunicazione di Twitter, Google (proprietaria di YouTube), Facebook e Microsoft hanno tutti sottolineato l’impegno a combattere la propaganda terroristica ed i messaggi di odio. Lie Junius ha sottolineato che “Google ha sempre proibito i messaggi di odio sulle sue piattaforme” ed ha “efficaci sistemi per riesaminare e rimuovere i messaggi in meno di 24 ore”. Dal canto suo, Monika Bickert, responsabile della Global policy per Facebook ha osservato che “non c’è posto per l’odio” e che il più grande dei social media, con 1,6 miliardi di iscritti, “sollecita la gente ad usare gli strumenti di segnalazione dei contenuti se ritengono che violano i nostri standard”. “I nostri team in tutto il mondo lavorano 24 ore su 24 per rivedere le segnalazioni e agire prontamente”. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO