Fibromialgia, incontro a Mercogliano sabato 23.

0
391

La sindrome fibromialgica, o fibromialgia, è una forma comune di dolore muscoloscheletrico diffuso e di affaticamento.  Colpisce circa 1.5 – 2 milioni di italiani e soprattutto donne.

La causa di questa sindrome al momento rimane ignota. Molti differenti fattori possono scatenare una sindrome fibromialgica. La diagnosi dipende principalmente dai sintomi che il paziente riferisce. Negli ultimi 10 anni, tuttavia, la fibromialgia è stata meglio definita attraverso studi che hanno stabilito le linee guida per riconoscerla.

Importanti, dunque, gli incontri di approfondimento utili a definire meglio la patologia e ad informare correttamente pazienti e cittadini sul percorso di diagnosi e trattamento.

 

La Diagnostica Medica di Mercogliano, Avellino, promuove un incontro dal titolo “Fibromialgia, il dolore al femminile”. Il convegno si terrà domani, sabato 23 marzo, a partire dalle ore 8.30, presso l’Auditorium “L. Marino” della Diagnostica Medica ed ha il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Avellino, della SIRCA e della FI.MAR Onlus.

Responsabile dell’incontro il dottor Sergio Pascale, Primario di anestesia, rianimazione e terapia del dolore della Villa Dei Platani Malzoni.

 

La fibromialgia è una patologia abbastanza misconosciuta che colpisce molte donne, su dieci pazienti nove sono donne.  – spiega il dottor Pascale – Ho ritenuto opportuno promuovere la creazione di un Centro per il trattamento della patologia. Ad Avellino c’è, quindi, la possibilità di rivolgersi a questo Centro multidisciplinare per la fibromialgia. Ho ritenuto opportuno, poi, organizzare l’incontro di domani proprio per diffondere la conoscenza di questa patologia non soltanto alla classe medica ma soprattutto alla società civile.”

 

Nel corso dell’incontro si parlerà di farmacologia di genere, del percorso terapeutico del paziente affetto da fibromialgia. Verranno affrontati i sintomi della patologia come la stanchezza cronica e le terapie attuali partendo dalla cannabis terapeutica, al ruolo dell’ozono terapia, dell’agopuntura, dell’alimentazione e della fisioterapia.

LASCIA UN COMMENTO