Riqualificazione energetica e sgravi fiscali, convegno Federcomated ad Avellino giovedì 31.

0
175

logo_federcomatedFedercomated per il Mezzogiorno mette intorno ad uno stesso tavolo rappresentanti del Governo, commercianti, Ordini Professionali, imprenditori e consumatori con un obiettivo ben preciso: assumere il ruolo guida per la promozione della riqualificazione energetica e sismica. “Gli sgravi fiscali per la riqualificazione energetica e sismica devono diventare una legge dello Stato, senza che ogni volta si faccia una corsa ad ostacoli per inserirli nella Legge di stabilità. E devono essere previsti anche per gli immobili turistici e commerciali. Dal Sud partirà, forte, l’appello al Governo”.  A dirlo è Giulio De Angelis, delegato Federcomated per il Mezzogiorno, che presenta il convegno-giornata di studi in programma giovedì 31 marzo all’Hotel de la Ville di Avellino.

ascomed_av-534x386“Il convegno del 31 marzo – prosegue – avrà proprio questo scopo: vogliamo far sentire la nostra voce, ma non solo la nostra. Metteremo intorno allo stesso tavolo tutti i protagonisti della filiera edile, anche i consumatori. Ed avremo come interlocutori i rappresentanti del Governo. L’Irpinia vuol essere un laboratorio per la promozione della riqualificazione energetica e sismica, anche perché lo è di fatto, soprattutto a causa dello sciagurato evento del 23 novembre 1980. Vogliamo rilanciare l’idea dell’edilizia sostenibile ed, in questo contesto, il ruolo della Federcomated che, a livello nazionale, ci è stata molto vicina nell’organizzazione di questo convegno, dimostrando il forte interesse per lo sviluppo del Mezzogiorno. L’edilizia è la locomotiva dell’economia nazionale”.

“Se riparte l’edilizia, riparte tutto il sistema economico. Federcomated – aggiunge De Angelis – ha un ruolo fondamentale anche per la promozione di nuove tecnologie che consentano di costruire in modo innovativo e nel pieno rispetto dell’ambiente. La riqualificazione è il business del futuro ma è anche il futuro della crescita civile del nostro territorio. Ormai oggi non c’è più spazio per costruire nuove case, occorre riqualificare. I dati parlano chiaro: in Italia va riqualificato oltre l’80% del patrimonio edilizio. Federcomated c’è, tutta la filiera edilizia vuol essere protagonista”.  Il programma dell’evento si articola in due parti.

Al mattino, dopo il saluto di Giulio De Angelis, di Alessandro Ambrosi, presidente nazionale Confcommercio con delega alle infrastrutture e al Mezzogiorno, e delle autorità, avrà luogo una tavola rotonda – moderata dal giornalista Marco Grasso – sul tema del convegno alla quale parteciperanno Massimo Sessa, presidente Consiglio Lavori pubblici, Franco Braga, dipartimento Ingegneria Strutturale e Geotecnica Università degli studi “La Sapienza”, Armando Zambrano, presidente nazionale dell’Ordine degli ingegneri, Maurizio Savoncelli, presidente nazionale consiglio dei geometri, Rodolfo Girardi, vicepresidente nazionale Ance, Francesco Peduto, presidente nazionale ordine geologi italiani, Francesco Burrelli, presidente nazionale Anaci e Giuseppe Freri, presidente nazionale Federcomated. Nel pomeriggio avrà luogo, invece, un happening formativo tenuto da Peter Erlacher, Enrico Sicignano, Fernando Fraternali ed Erminia Cuomo, sugli aspetti tecnici e fiscali del risanamento e la riqualificazione del patrimonio edilizio e urbano sotto gli aspetti energetici e sismici.

LASCIA UN COMMENTO