Borsa di studio Maria Dell’Api Magnotti dell’IISS Vanvitelli di Lioni consegnata sabato 15.

0
396
È stata una cerimonia all’insegna della gioia e dell’emozione per alunni, genitori e docenti quella di sabato 15 ottobre, nell’Aula Magna “N. Popoli” di Via Torino a Lioni, durante la quale l’IISS “Vanvitelli” ha conferito la settima Borsa di Studio istituita dalla Prof.ssa Maria Dell’Api Magnotti a favore dell’alunno della sede IPIA risultato più meritevole nell’anno scolastico 2015/2016.

Il premio è andato ex aequo alle alunne Giovanna Casale ed Erika Nesta della Classe 5^ IPID corso chimico della sede IPIA, di Calabritto e Caposele, che al termine dello scorso anno scolastico hanno riportato la migliore valutazione dell’istituto.

L’iniziativa, condivisa dal Dirigente Scolastico, prof. Sergio Siciliano, dall’intero Collegio dei Docenti e dal Consiglio di Istituto, giunta alla sua settima edizione, durerà complessivamente 10 anni.

Presenti alla cerimonia molti docenti, le compagne di classe di Erika e Giovanna, i familiari e molti rappresentanti istituzionali: il Dirigente Scolastico, Prof. Siciliano, rappresentato dalla sua Vicaria, Prof.ssa Anna Di Domenico, Mons. Tarcisio Gambalonga, parroco di Lioni, l’Assessore alla Cultura del Comune di Lioni, Dott.ssa Anna D’Amelio, il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Lioni ed ex docente del Vanvitelli, Prof. Gerardo Cipriano, il responsabile del plesso IPIA, Prof. Lorenzo Di Popolo, la Prof.ssa Maria Dell’Api Magnotti, le classi 2^ MA e 2^ SSS sede IPIA, tutti impeccabilmente accolti da alcuni alunni della classe 5^ Accoglienza turistica e 4^ A Sala e vendita della sede IPSEOA.

A dare il benvenuto ha pensato la vice Preside del Vanvitelli, Prof.ssa Anna Di Domenico, che nel suo intervento ha salutato tutti i presenti a nome del Dirigente, sottolineando l’importanza dell’evento per la comunità scolastica, “perché – ha detto – il nostro è un polo tecnico professionale con al suo interno delle eccellenze, che noi riconosciamo e incoraggiamo”.

La parola è poi passata a Mons. Tarcisio Gambalonga, parroco di Lioni, che ha ringraziato la Prof.ssa Dell’Api per questo gesto che testimonia il valore dell’impegno per chi studia con serietà, “puntando alla meritocrazia che premia appunto il merito e non le scappatoie clientelari come spesso avviene nella nostra società”. Ha poi auspicato che questa settima edizione possa protrarsi per sempre come il numero sette biblico, segno di completezza.

Anche le parole del Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Lioni, Prof. Gerardo Cipriano, sono state di elogio per il significato e il valore etico della borsa di studio e per le alunne premiate, sue ex allieve. – “I traguardi di competenza per gli istituti professionali sono molto importanti e i profili uscenti sempre più complessi, perciò studiare e prepararsi seriamente è fondamentale per un futuro professionista. Complimenti alla Prof.ssa Dell’Api, che si dedica d’estate al laboratorio creativo per i più piccoli e che è un esempio di forza, tenacia, caparbietà. ”

Piacevole e pieno di entusiasmo l’intervento della neoAssessore alla Cultura del Comune di Lioni, Dott.ssa Anna D’Amelio, che ha voluto ringraziare il Vanvitelli per l’invito, descrivendo l’istituto come “una bellissima realtà capace di offrire grandi opportunità formative e di grande impatto per il territorio”. Ha anche ribadito la volontà di interazione vera e non solo formale tra le diverse realtà educative e istituzionali del territorio, complimentandosi con la Prof.ssa Dell’Api, ma soprattutto con le famiglie, le cui figlie “devono essere motivo di orgoglio”.
Pur non essendo presente fisicamente all’evento, l’Assessore alla Cultura di Calabritto, Dott.ssa Luisa Severino ha inviato un messaggio di auguri per le ragazze destinatarie della borsa di studio, in particolare per la compaesana Giovanna Casale, perché “sia da esempio ed incitamento per le giovani generazioni”.
Nel suo breve intervento, la Prof.ssa Rosa Iandolo, docente di inglese delle alunne premiate e fattiva organizzatrice della manifestazione, ha voluto sottolineare l’importanza del gruppo classe e del loro affiatamento, la semplicità ed umiltà delle alunne fruitrici del premio, ed augurare loro di “non perdere mai l’entusiasmo”.
Anche il Fiduciario del plesso IPIA, Prof. Lorenzo Di Popolo, ha espresso il suo rallegramento per un premio “che va a tutta la classe, che nello studio ci ha messo il cuore oltre all’impegno e naturalmente un augurio all’inossidabile Maruzzella!”

E’ stata poi la volta della prof.ssa Dell’Api, che se per motivi anagrafici ha dovuto lasciare l’insegnamento, non rinuncia alla sua vocazione di educatrice e di formatrice, e continua ad essere moralmente vicina agli allievi del Vanvitelli, a cui ha dedicato gran parte della sua vita lavorativa, con passione e coinvolgimento emotivo, come lei stessa ha ribadito nel corso della premiazione –”Ho istituito questa borsa di studio per onorare la memoria di mia madre, maestra di coraggio ed impegno, senso del dovere e responsabilità. Il primo nucleo dello Stato è la famiglia, che deve essere un esempio di attaccamento alle istituzioni”.

Prima di ricevere il premio, la mamma dell’alunna Erika Nesta, con malcelata emozione, ha preso la parola per ringraziare la Prof.ssa Dell’Api e tutto il Vanvitelli, in particolar modo i docenti per aver spronato sua figlia nello studio.

L’istitutrice della Borsa ha voluto riservare ad Erika e Giovanna, dopo il loro emozionato breve ringraziamento al tavolo d’onore, un biglietto di auguri per un futuro carico di soddisfazioni personali e professionali.

LASCIA UN COMMENTO