La Cavalcata di Sant'Anna a San Mango sul Calore domenica 31.

0
221

13716251_10155017600019018_8885190408103669549_nLa Pro Loco di San Mango sul Calore ricorda che la tradizionale “Cavalcata” di Sant’Anna si svolgerà domenica 31 luglio.

L’evento è tra quelli che vantano, nel territorio irpino, una tradizione autentica e ininterrotta nel tempo: ci riporta ai lontani secoli dell’antico regime, quando il sindaco e i dignitari locali si muovevano in corteo per inaugurare l’importante fiera organizzata presso l’antica chiesa campestre, “sita nella giurisdizione della terra di Santo Mango fuori alla campagna nel luogo detto Ucello, seu Serroni”.

Da allora, tutto è rimasto immutato, secondo un copione ben collaudato dall’amministrazione comunale, cui spetta da sempre l’onore e l’onere dell’organizzazione: si comincerà verso le dieci, quando il corteo equestre (guidato dal sindaco Gennaro Uva) si snoderà dal municipio per raggiungere, attorno a mezzogiorno, l’antichissima chiesa rurale dedicata a Sant’Anna. Si procederà lentamente per permettere ai cavalieri di lanciare manciate di confetti alle numerosissime persone che s’incontrano durante il percorso. In particolare, i lanci saranno più intensi davanti alla piccola chiesa di san Vincenzo e all’interno della stessa chiesa di sant’Anna, dove cavalli e cavalieri concluderanno la Cavalcata compiendo i rituali tre giri attorno all’altare, avanzando a fatica nella folla in delirio, che cercherà di assicurarsi la maggiore quantità possibile di confetti, associati al culto della santa e considerati apportatori di fertilità e miracolosi per la salute delle donne.

Intanto, martedì scorso, La Pro Loco ha promosso l’apertura serale straordinaria dell’antica chiesa, che è stata scenograficamente illuminata all’arrivo dell’affollata processione religiosa: l’appuntamento ha felicemente chiuso il triduo dedicato alla santa, che quest’anno si è rivelato particolarmente solenne e suggestivo grazie all’impegno del nuovo parroco don Pasquale Iannuzzi e del comitato dei festeggiamenti, che hanno introdotto il bel rito della benedizione dei cavalli scelti per il corteo di domenica.

LASCIA UN COMMENTO