Willoke, street art festival, dal 24 al 31 maggio a Vallesaccarda.

0
105

locandinawillokeTerritorio. Cultura. Integrazione.

Willoke da quest’anno è un Festival di Street Art diffuso.

Il 2016 vede un’apertura al territorio, i confini tra paesi si abbattono e la street art diventa catalizzatore per lo sviluppo e la coesione territoriale.

L’Irpinia e la Daunia sono due aree geografiche molto simili, nonostante la loro appartenenza a due regioni diverse, lontane dalle coste, lontane dai grandi centri urbani; rappresentano l’essenza dell’essere legati alla terra e alle origini, unita alla volontà di aprirsi al nuovo e di integrarsi.

Willoke usa lo strumento della street art per aggregare, risvegliare, coinvolgere, partecipare.

Le comunità che si sono aperte ad accogliere il nostro esperimento di festival diffuso sono Monteleone di Puglia e Vallesaccarda, oltre ad Ariano Irpino che ci ospita per il terzo anno.

Vallesaccarda è un comune pieno di fervente entusiasmo, l’amministrazione è giovane, dinamica e senza dubbio lungimirante, ha sempre dato molto spazio alle manifestazioni artistiche e ha supportato la creatività dei suoi concittadini.

Willoke sarà ospite di Vallesaccarda dove si terrà il primo intervento dell’edizione 2016 del Festival, dal 24 al 31 Maggio, i primi a farci visita saranno i siciliani Rosk & Loste, due artisti bravissimi che hanno lasciato a Napoli uno dei loro capolavori e ora sono pronti a lasciarne uno anche qui da noi.

Gli interventi si susseguiranno e si alterneranno nei territori, a breve sarà possibile consultare il programma con date, luoghi ed ospiti.
Andremo avanti fino alla prima settimana di Settembre, con la frequenza di uno o due artisti a settimana.
Anche quest’anno gli artisti presenti sono tutti di caratura internazionale, i loro lavori sono presenti ed apprezzati in tutto il mondo.
Noi siamo le storie che abbiamo vissuto, la nostra terra ci identifica e noi forti di questa eredità, guardiamo avanti e ci apriamo alle nuove contaminazioni facendole nostre e adattandole alla nostra cultura.

LASCIA UN COMMENTO