Abusivismo, GdF sequestra negozio di parrucchiera a Cervinara.

0
183

La Guardia di Finanza di Avellino nell’ambito dell’intensificazione dell’attività di controllo economico del territorio, ha dedicato particolare attenzione alle attività commerciali ed artigianali esercitate abusivamente, le quali, il più delle volte, sfuggono ai controlli previsti dalla legge in materia fiscale, amministrativa ed igienico sanitaria.

Tra le prime a incappare nei controlli delle fiamme gialle irpine è stata un’estetista e parrucchiera di Cervinara (AV) che proprio sotto casa conduceva un salone completamente attrezzato per l’esercizio della suddetta attività.

I militari, grazie anche al costante monitoraggio del territorio e ad un’attenta analisi dei dati, hanno individuato nei pressi dell’abitazione della titolare, il salone di parrucchiera privo di qualsiasi autorizzazione sia sanitaria che amministrativa, completamente sconosciuto al fisco, ma nel contempo pubblicizzato sui social network.

Avuta la certezza dello svolgimento dell’attività abusiva, i militari della sezione operativa della compagnia della guardia di finanza di avellino, coadiuvati da personale qualificato dell’Asl di Avellino per gli aspetti sanitari, hanno trovato un locale adibito in via esclusiva all’attività di estetista e parrucchiera, completo di tutti gli arredi e gli strumenti necessari.

Sono state contestate alla donna l’esercizio dell’attività di estetista in assenza dell’autorizzazione sindacale, di attestato di idonea qualifica professionale, dei requisiti igienico sanitario dei locali, delle attrezzature e della conduzione igienica delle attività di estetista e parrucchiera.

Nel corso delle operazioni sono state anche rinvenute varie agende il cui contenuto è al vaglio per i conseguenti accertamenti di natura fiscale.

Il locale commerciale, con le pertinenti attrezzature e merci, è stato sottoposto a sequestro amministrativo.

Il notevole risultato ottenuto evidenzia, ancora una volta, il costante impegno profuso dalle fiamme gialle a tutela dell’economia legale e della salute dei cittadini.

LASCIA UN COMMENTO