Ambulanti itineranti e commercio abusivo: la Polizia Municipale di Avellino prosegue con la propria attività di contrasto.

0
77

20150409_vigos.jpgProsegue la stretta della Polizia Municipale sugli ambulanti itineranti e sul commercio abusivo in città.

Gli uomini del Comandante Arvonio stanno da tempo monitorando, anche a seguito di numerose segnalazioni pervenute da parte di operatori economici e singoli cittadini, la situazione degli ambulanti che stazionano più del consentito ai bordi delle strade o nelle piazze della città ma anche di “abusivi” che vendono merce su aree pubbliche e senza autorizzazione.

La polizia Municipale è infatti intervenuta, qualche giorno fa, nei pressi di un supermercato in Via Bellabona, dove è stato fermato un cittadino extracomunitario che, sprovvisto di documenti, esercitava commercio su aree pubbliche senza la prescritta autorizzazione.

Accompagnato al Comando al termine delle verifiche è stato elevato verbale di illecito amministrativo e contestuale sanzione per commercio abusivo su aree pubbliche. A carico dello stesso anche il decreto di espulsione per immigrazione clandestina.

Ma l’attività di controllo messa in piedi dal comandante Arvonio sta riguardando anche i cosiddetti ambulanti itineranti (solitamente mezzi mobili con frutta e verdura). “Ho deciso di potenziare ulteriormente i controlli da parte della Polizia Municipale – ha spiegato il Comandante Arvonio – avendo predisposto, con l’Ordinanza n.295/2015 per questo genere di attività così come disciplinato dalla Legge, delle aree che consentono uno stallo per non più di un’ora al giorno. Sulla scorta delle numerose segnalazioni pervenute sia dai cittadini che dai commercianti stiamo intensificando i controlli al fine di scongiurare comportamenti non rispettosi. Verranno non solo monitorati i tempi di permanenza ma si procederà anche ad un’attenta verifica dei requisiti ovvero al controllo delle autorizzazioni amministrative e al rispetto dei requisiti igienico-sanitari”.

L’attività di monitoraggio in città sarà costante – assicura lo stesso col. Arvonio – anche perché la sicurezza resta un obbiettivo prioritario della stessa Amministrazione comunale al fine di garantire il pieno rispetto delle regole e una maggiore sicurezza dei cittadini.

LASCIA UN COMMENTO