Basket, Sidigas Avellino vince all'overtime contro Brindisi.

0
81

BuvaAv-BRAvellino vince dopo un overtime contro l’Enel Brindisi. Sidigas senza Green e Pini, Brindisi deve fare a meno di Reynolds e Scott mentre recupera Cournooh non al meglio della condizione fisica.

Sacripanti affida la regia ad Acker , con Veikalas nello spot di guardia. Nei primi minuti c’è grande equilibrio tra le due squadre, Avellino è subito costretta ad effettuare un cambio perché Cervi viene gravato di due falli. I biancoverdi però, grazie alla difesa trovano il massimo vantaggio con i canestri di Veikalas e Acker ed al 6’ è +5 (10-5). I due allenatori iniziano la girandola di cambi che giova ad Avellino trovando punti da Blums, mentre Brindisi segna solo con Banks. I lupi sono in bonus ma Brindisi non ne approfitta e il punteggio rimane invariato al 10’ conduce 19 – 13.

I lunghi irpini sono gravati di falli e Sacripanti decide di iniziare il secondo quarto con quattro piccoli. Brindisi soffre questa situazione e Nunnally con 5 punti di fila dà il massimo vantaggio ai biancoverdi al 12’ +11 (24-13). Bucchi decide di piazzarsi a zona e con Marzaioli pesca i punti del -10, Sacripanti chiama il timeout e parla con i suoi. La scelta paga, nonostante la poca fluidità offensiva, gli irpini riescono comunque a segnare con Veikalas che con 5 punti di fila porta la Sidigas al massimo vantaggio + 14 (40-26) al 18’, con l’allenatore brindisino costretto di nuovo a chiamare timeout. Al rientro l’ex Banks prova a trascinare i suoi e ci riesce, grazie sia ai suoi canestri che a quelli di Kadji. I due piazzano il break di 9 -0 che manda le squadre all’intervallo lungo sul punteggio di 40 – 35.

Avellino parte un po’ molle in difesa, l’Enel non ne approfitta e Avellino in attacco è precisa con Acker, Cervi e Veikalas ed al 25’ è +9 (49-40). Brindisi tenta di ritornare in partita, ma Veikalas negli ultimi secondi del quarto trova i punti del +6 al 30’ (57-51).

Nell’ultima frazione Avellino parte forte in difesa con i pugliesi che non riescono a trovare il canestro. Gagic commette due ingenuità, e protestando veemente sul suo quinto fallo l’arbitro gli accorda un tecnico. Leunen è preciso dalla lunetta ed Avellino scappa +13 al 33’ (64-51). Brindisi cerca di scuotersi trovando punti facili dalla lunetta, in difesa la sua zona crea non poche difficoltà all’attacco irpino. Al 38’ però i lupi sono ancora avanti di 8 punti (68-60). Kadji e Banks piazzano il break che riporta Brindisi al -1 (72-71) a 9’’ dal termine. Leunen vai in lunetta facendo 1/2 mentre Banks allo scadere non sbaglia e manda le squadre al supplementare.

Gli ultimi 5 minuti sono al cardiopalma con le due squadre che rispondono colpo su colpo. Avellino in vantaggio di uno, Harris sbaglia il tiro del sorpasso con Buva che dalla lunetta fa 1/2. Banks potrebbe pareggiare con i liberi, li sbaglia entrambi e la Sidigas ritorna alla vittoria battendo Brindisi 83-81.

Lo scout del match 

Queste le dichiarazioni di coach Sacripanti al termine del match: “Ci mancavano due giocatori importanti (Green e Pini, ndr). C’è stata grande dedizione e personalità da parte di Acker, un plauso a Brindisi che non molla mai. Abbiamo attaccato bene la loro zona poi siamo crollati nella fine, ma è stato un problema mentale. Questi due punti ci danno sicurezza. Ci ha aiutato la gente ma ci siamo guardati negli occhi e abbiamo detto: “Andiamola a vincere”. Gli episodi fanno le partite ma noi eravamo determinati. I miei pensieri sono due: il primo è per Green, vogliamo capire la situazione del suo occhio. Il ragazzo sta soffrendo tantissimo ma l’ospedale non gli ha dato l’ok per vedere la partita. Il secondo pensiero va ai tifosi. L’incontro di venerdì sera è stato molto importante. Il loro sostegno dopo due sconfitte è stato fondamentale. Ci hanno dato energia e non era facile quando l’inerzia della partita era nelle mani di Brindisi. Poi penso alla società che ci sta vicino e ci ha detto che prima o poi la sfiga che ci perseguita passerà. Anche oggi i fantasmi si sono visti ma sono contento della reazione che abbiamo avuto nel supplementare. Reagire è stato importante e il merito va alla squadra”.

LASCIA UN COMMENTO