La Camminata Rosa per la lotta al tumore al seno ad Avellino e Mercogliano.

0
135

11958247_807240979393109_1132507671960102677_oUn fiume rosa ha invaso le strade di Mercogliano ed Avellino nella mattinata di domenica 13 settembre.

Un fiume di solidarietà che ha visto sfilare, per la Seconda Camminata Rosa organizzata dalle Amdos e Amos Irpine, più di 1500 persone che hanno marciato e ballato fino al Duomo di Avellino dove si è svolta la Santa Messa. Le vere protagoniste sono state le donne, quelle donne forti che hanno lottato contro il terribile nemico e l’hanno sconfitto.

Il cancro al seno si presenta sempre più frequentemente e purtroppo anche in età giovane, ed è per questo che le associazioni Amdos e Amos organizzano visite gratuite di prevenzione in diversi paesi dell’Irpinia, dando la possibilità in questo modo a tante persone di salvare la propria vita con la prevenzione.

Tutto ciò non sarebbe possibile senza la collaborazione preziosissima e il lavoro amorevole del senologo dottor Carlo Iannace.

Ed è per questo che i ringraziamenti principali vanno al dottore e a tutte le Amdos e Amos irpine che hanno organizzato e coordinato ogni aspetto di questa Seconda Camminata Rosa, il quale scopo principale, oltre a lanciare il messaggio dell’importanza della prevenzione e a dimostrare la forza delle tantissime donne che grazie ad essa hanno sconfitto il cancro al seno, è la raccolta fondi per l’acquisto di un ecografo portatile da utilizzare nelle giornate di prevenzione.

Ma i ringraziamenti vanno anche a tutti coloro che hanno partecipato al successo della manifestazione con la presenza e l’aiuto, e in particolare il sindaco del Comune di Mercogliano, prof. Massimiliano Carullo, l’amministrazione comunale, la polizia municipale e i carabinieri; Don Vitaliano Della Sala che è intervenuto prima del taglio del nastro per la Santa benedizione, Padre Andrea, il direttore artistico Carmine Pagano, Elisabetta Carpenito, speaker dell’evento; la Pro Loco di Mercogliano, l’Oratorio Don Bosco, la Misericordia del Partenio, gli Scout di Mercogliano, le ragazze dell’associazione Cura Te Stesso, la casa editrice il Papavero, l’associazione della Tarantella montemaranese e tutte le altre autorità che hanno partecipato alla manifestazione e le associazioni presenti sul territorio e sempre disponibili alla collaborazione.

L’Amdos Mercogliano ringrazia di cuore tutti, con l’augurio che il prossimo anno la gioia e la solidarietà si moltiplichino ancora di più.

LASCIA UN COMMENTO