La castagna di Montella tra tradizione ed innovazione, venerdì 10 al Circolo della Stampa di Avellino.

0
103

castagnamontella“Innovazione e tradizione per la valorizzazione della castagna di Montella”: su questo tema si confronteranno imprenditori, esperti ed istituzioni per discutere del futuro di uno dei prodotti più pregiati del Sud Italia: la castagna di Montella IGP.

L’appuntamento è per domani (venerdì 10 luglio), alle ore 10.30, presso il Circolo della Stampa di Avellino e rientra tra le azioni dei progetti “Valico – Valorizzazione ed innovazione dei prodotti a base di castagna e la sua funzionalità sull’organismo”, “Ticastaqual – Tecniche innovative per una castagna di qualità” e “Valbiocasta – Miglioramento delle tecniche di trasformazione per la valorizzazione della biodiversità”, inseriti nella misura 124 del PSR Campania 2007/2013 “Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, forestale e alimentare”.

Partner dei progetti sono la Società Cooperativa Agricola Castagne di Montella, l’Azienda agricola Roberto Mazzei, la Società Cooperativa “Acerno Frutta”, Castagne Petretta, Vestuto Castagne, Raffael, Ingino Surgela e ISA CNR di Avellino.

L’obiettivo dei progetti è la ricerca di nuovi prodotti funzionali e di tecniche agronomiche migliorative, mettendo a disposizione di tutti gli operatori della filiera castanicola dei protocolli di gestione del prodotto in grado di migliorare le produzioni in campo e aumentare la qualità del prodotto. In questo modo si potranno commercializzare prodotti castanicoli in possesso di elevate caratteristiche qualitative riproducibili nel tempo, eliminando il gap esistente tra la possibilità di commercializzazione delle piccole aziende agricole e gli standard minimi di acquisto della catena distributiva.

All’incontro di domani, venerdì 10 luglio, interverranno Maurizio Grimaldi della Società cooperativa Castagne di Montella, Roberto Mazzei, responsabile tecnico del PIF – Progetto Integrato di Filiera, Maria Grazia Volpe dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione – CNR di Avellino, Lucia Zurlo dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione – CNR di Avellino, Sonia Raimo, responsabile scientifico Valbiocasta, Italo Santangelo, Regione Campania DG Politiche Agricole UOD Tutela della Qualità, e Maurizio Petracca, consigliere regionale.
Dopo la presentazione dei progetti, la prossima tappa sarà l’Expo 2015, dove le azioni previste dai progetti di valorizzazione ed innovazione saranno presentate al pubblico dell’esposizione universale di Milano dove, nell’ambito della tematica dell’Expo – Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita – ci si potrà confrontare sulla qualità e specificità della produzione castanicola e sulle azioni di ricerca di nuovi prodotti funzionali e di tecniche agronomiche migliorative messe in campo dai tre progetti della misura 124: Valico, Ticastaqual e Valbiocasta.

LASCIA UN COMMENTO