Contraffazione, GdF sequestra oltre 40.000 cartoline, denunciate 2 persone a Grottaminarda.

0
106

La particolare intensificazione dei servizi del controllo economico del territorio, con specifica azione a contrasto della contraffazione marchi e sicurezza prodotti ha consentito, negli ultimi giorni, il conseguimento di due importanti risultati da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino.

Infatti, i finanzieri della Tenenza di Baiano, nel corso di uno specifico controllo presso una società con sede in Grottaminarda (AV) al fine di verificare il rispetto della regolare detenzione dei prodotti industriali recanti il marchio d’impresa, riscontravano, tra quelli detenuti per la vendita, che alcuni di essi risultavano palesemente contraffatti.

In particolare, un controllo accurato sugli stessi, permetteva di appurare la presenza di numerosissimi inviti per feste e cartoncini augurali, raffiguranti personaggi dei cartoni animati della “Disney” e “Warner Bros”, tutti abilmente contraffatti. La merce, quantificata in circa 43.000 pezzi, veniva sottoposta a sequestro e nei confronti dei responsabili, entrambi residenti in provincia di Avellino, scattava la denuncia alla Procura della Repubblica competente, per la violazione prevista dalI’articolo 474 (falso) del codice penale.

Il sequestro in questione segue quello effettuato lo scorso fine settimana sempre dai militari della Tenenza di Baiano, allorquando nel corso di un medesimo servizio, rinvenivano in un esercizio commerciale con sede in Lauro (AV), circa 2.000 inviti per feste e cartoncini augurali, anch’essi raffiguranti personaggi dei cartoni animati della “Disney” e “Warner Bros”, tutti contraffatti. ll titolare delI’attività commerciale, un soggetto di nazionalità cinese, è stato deferito all`Autorità Giudiziaria per la medesima violazione prevista dal codice penale.

Inoltre, nellambito dello stesso esercizio commerciale, veniva constatata la presenza di numerosa merce, detenuta per la vendita, risultata essere non conforme agli obblighi di etichettatura ed alle indicazioni minime obbligatorie inerenti la sicurezza dei prodotti. Per tale motivo si procedeva al sequestro amministrativo di oltre 4.500 prodotti in violazione agli articoli 6 – 7 e 9 del Decreto Legislativo nr.206/2005 (c.d. Codice del Consumo).

L`attività della Guardia di Finanza nello specifico settore risulta essere sempre più incisiva in quanto ha lo scopo di tutelare i mercati dall’invasione di prodotti falsi, di provenienza incerta o non sicuri per i consumatori, assicurando, nel contempo, l’incolumità dei cittadini, ma anche per far crescere l’economia sana del Paese e proteggere il marchio del “Made in Italy”.

LASCIA UN COMMENTO