Cornici, nivei contorni e segni in bianco e nero che sono fotografie: la mostra di Agostino Rampino a LA PARETE.

0
1322

a cura di Emilia Sensale

La fotografia digitale diventa arte. Non sono disegni, infatti, ma veri e propri scatti le immagini che portano la firma di Agostino Rampino, giovane artista avellinese.

Segni in bianco e nero catturati dall’obiettivo della sua macchina fotografica, un’immagine estemporanea in realtà fatta di luci e colori di un momento particolare nell’istante dello scatto che l’artista non rivela e resterà un segreto.

Fino al 24 giugno 2017 sarà possibile visitare la mostra ‘Remediation of the Graphic Sign’ presso LA PARETE | ARTE E GRAFICA CONTEMPORANEE , ubicata nei locali di Caiafa Cornici di Giuseppe Russo in Via Montesanto 15, a pochi passi dall’omonima stazione e dal quartiere Pignasecca.

La location da tempo vuole dare spazio alle novità, accogliendo le opere dei giovani talentuosi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli e il suddetto evento è il quarto appuntamento dell’iniziativa. Curatore della mostra è Vincenzo Rusciano, il quale commenta le immagini di Agostino evidenziandone “la particolarità di un lavoro ampio, che ben si accosta alla particolarità del luogo espositivo, poiché ci troviamo non in una classica galleria ma in un laboratorio di cornici che è stato da sempre crocevia di tanti artisti”.

Emilia Sensale

LASCIA UN COMMENTO