Da House Hospital e Neuromed nasce il "Polo del sollievo – Scienza per la vita".

0
38

Ricerca scientifica in cure palliative e terapia del dolore: nasce tra la Campania e il Molise il primo “Polo del Sollievo – Scienza per la Vita”. L’istituzione dell’importantissimo polo di ricerca, il primo del genere in Italia, è frutto della collaborazione tra l’Associazione House Hospital onlus, l’Istituto Irccs Neurologico Mediterraneo Neuromed e la Fondazione Neuromed onlus, che hanno sottoscritto una convenzione quadro per promuovere e sostenere le conoscenze scientifiche e le attività riguardanti le cure palliative e la terapia del dolore.

Il presidente di House Hospital, la dottoressa Rosa Vitiello, il presidente dell’Irccs Neuromed, il professor Erberto Melaragno, e il presidente della Fondazione Neuromed onlus, il dottor Mario Pietracupa, hanno di recente posto la propria firma sul documento che ratifica l’accordo tra le parti, con l’obiettivo di attuare iniziative di ricerca scientifica, sanitaria, sociale e socio-sanitaria, formazione e sensibilizzazione dei cittadini e degli enti pubblici nelle aree che riguardano, appunto, le cure palliative e terapia del dolore, la prevenzione  primaria (campagne di educazione socio-sanitaria) e secondaria (diagnosi precoce e screening) non solo in ambito oncologico e la comunicazione sociale.

La collaborazione tra i soggetti si svilupperà su una serie di direttrici operative, tra le quali: la partecipazione congiunta a programmi, iniziative e attività di studio, ricerca, progettazione e sviluppo, anche in riferimento alla Legge 38 del 2010 sul dolore; attività di formazione di alta specializzazione; realizzazione di punti di informazione e servizio legale in tema di ricerca, formazione, assistenza sociale, sanitaria e sociosanitaria; diffusione delle conoscenze e la formazione e l’aggiornamento professionale in educazione continua in medicina attraverso l’istituzione di scuole di formazione, master, nonché l’organizzazione di manifestazioni scientifiche, congressi, corsi, convegni, seminari, workshop, simposi, riunioni, stesura e cura di pubblicazioni, produzione di strumenti audio-video qualificati; attivazione di intese con altre Istituzioni e la collaborazione con una pluralità di istituzioni pubbliche e\o private nazionali e internazionali.

In tale contesto, l’Associazione House Hospital onlus, la Fondazione Neuromed onlus e l’Irccs Neuromed promuoveranno un “Progetto Salute” per rispondere in modo concreto e appropriato alle richieste da parte dei cittadini verso la salute e il “Ben­Essere”, attuando un programma di assistenza sociale, sanitaria e socio-sanitaria nella Macroregione 13 della Comunità Europea. Gli obiettivi, quindi, saranno quelli di: aumentare la sensibilità della popolazione nei riguardi delle patologie ad alto impatto sociale, della prevenzione, della diagnosi precoce e degli screening; rendere più facile l’approccio dei cittadini alle metodiche diagnostiche; educare i cittadini alla salute, di incoraggiarli a stili di vita e comportamenti corretti; realizzare, utilizzando attrezzature innovative, un particolare assemblaggio di tecnologie implementate su sistemi computerizzati in favore della popolazione, mediante gli Hospital Car, per lo svolgimento delle attività gratuite di diagnosi precoce e/o screening per la lotta alle patologie ad alto impatto sociale; contribuire alla riduzione dei tempi delle liste di attesa; contribuire a migliorare e ad accrescere le possibilità di diagnosi precoce; ampliare e migliorare le conoscenze in merito alle cause, alla prevenzione e al trattamento del cancro e delle patologie cardiache e rendere più agevole la raccolta di dati affidabili e comparabili sull’incidenza di tali patologie per determinare le tendenze a realizzare studi epidemiologici; contribuire a ridurre la mortalità e la morbilità dovute al cancro e delle patologie cardiache; diffondere la cultura della prevenzione delle malattie sociali.

A questo si aggiunge il Progetto multimediale “Quotidiano Medicina”, con l’attivazione di una rete tv dedicata alle tematiche sanitarie denominata “Medicina Channel” e di un portale Internet di riferimento.

 

LASCIA UN COMMENTO