Una famiglia di Damasco si insedia a Benevento.

0
266

Essi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e resta là finché non ti avvertirò, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo». Giuseppe, destatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: dall’Egitto ho chiamato il mio figlio.  (Mt 2, 13-15)

 

Queste parole, contenute nelle prime pagine del Vangelo di Matteo, rimandano all’esperienza vissuta come profughi dalla Santa Famiglia di Nazareth, costretta a fuggire in una terra straniera per fuggire alla follia omicida del dittatore Erode.

In questi giorni in cui ci avviciniamo a celebrare il Santo Natale, la Caritas diocesana di Benevento, che  vede nella “buona accoglienza” negli Sprar uno dei punti fondamentali del “Manifesto Caritas Benevento per una Rete dei Piccoli #ComuniWelcome” , accoglierà una famiglia di profughi della città di Daraa (Siria) composta da cinque persone, papa mamma e tre figli, e un uomo di 43 anni della città di Damasco (Siria).

Questi nostri fratelli, giungeranno in tutta sicurezza dalla Giordania in Italia grazie al programma “Reseattlement”, promosso da Caritas Italiana e finanziato totalmente dalla Conferenza Episcopale Italiana senza nessun contributo pubblico.

La famiglia sarà accolta giovedì 14 dicembre all’aeroporto di Roma Fiumicino. L’atterraggio è previsto per le ore 12, sarà accolta dai responsabili di Caritas Italiana Luciana Forlino e Oliviero Forti e dalla responsabile degli Sprar Mariaelena Morelli, dal Coordinatore Generale Angelo Moretti  di Caritas Benevento e dal l’Imam Gaphir Mustapha come mediatore linguistico.

LASCIA UN COMMENTO