Fidati dei tuoi occhi, Kersti Merilaas e il suo canto dell’anima.

0
120

Copertina KerstiC’è un flusso prorompente di vitalità nella poesia di Kersti Merilaas in questo libro edito da LietoColle e tradotto ottimamente dall’estone da Mailis Põld,  dal titolo  Fidati dei tuoi occhi – Poesie scelte (1956 -1979).

Una parola pura ferma il tempo e lo rimanda proiettandolo in un eterno presente,  attraverso un tessuto espressivo ricco di una vasta rappresentazione di componenti: culturali, sentimentali, paesaggistico- ambientali, affidando al fare poetico una sorta di funzione esistenziale e liberatoria …

Il cielo basso, il bosco che nereggia./ Gli abeti. La neve./ Al di là del bosco la strada grande/ e il rombo continuo.// Chi viene di là? Un cavallo!/ Un arco e una slitta./ Ho un groppo alla gola,/ tutto si confonde davanti ai miei occhi.// Come alberi spinti dal vento/ gli anni cadono attorno a me:/ sono ferma, la cartella sottobraccio,/ nel cumulo di neve presso la siepe.// M’avvicino,/ m’avvicino a chi se ne va/ sotto la bella nevicata./ Zio, dammi un passaggio/ riportami a casa!” (Un cavallo)

Foto Kersti Merilaas 1L’esperienza poetica di Kersti Merilaas ha qualcosa di affascinante, qualcosa che risveglia emozioni sopite e, pur nei mutamenti delle varie prospettive, ciò che alla fine viene fuori, è una colorazione suggestiva che sembra voler abolire il tempo e lo spazio, a favore del meraviglioso canto dell’anima.

 

LietoColle

http://www.lietocolle.com/shop/collane-collana-blu-altreterre/kersti-merilaas-fidati-dei-tuoi-occhi

LASCIA UN COMMENTO