Giornata dei disabili al Museo Irpino (ex Carcere Borbonico) a cura di Mediateur.

0
563

Il prossimo 3 dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, un appuntamento che si ripete dal 1981 con lo scopo di promuovere una più diffusa e approfondita conoscenza sul tema, sostenere la piena inclusione e combattere qualsiasi forma di discriminazione.

“Nessuno venga lasciato indietro” è infatti il principio alla base di questa giornata, che mira ad abbattere ogni tipo di barriera, ad aumentare i servizi destinati alle persone con disabilità e a promuovere il loro diritto a una partecipazione piena e attiva alla vita sociale, come sancito dalla Convenzione ONU del 2006.

In questo contesto, Mediateur da diversi anni promuove presso il Museo Irpino di Avellino il progetto “Museo per tutti”, un’offerta didattica permanente che vede protagonista proprio il pubblico diversamente abile, al quale sono dedicati laboratori, visite guidate e attività su misura. Si tratta di percorsi tattili per non vedenti e ipo-vedenti, visite guidate in LIS, progetti educativi speciali, che associazioni, operatori e strutture di accoglienza possono pianificare insieme agli educatori museali nelle due sedi di Corso Europa e dell’ex Carcere Borbonico.

“Lo scopo di queste azioni promosse da diversi anni al Museo Irpino con la Provincia di Avellino – ricorda Stefania Picariello di Mediateur – è di promuovere la diversità e l’inclusione sociale nei nostri spazi e in particolare di favorire l’accessibilità alla cultura “un giorno all’anno tutto l’anno”, per citare lo slogan di questa giornata. La strada per abbattere le barriere è ancora lunga ma iniziative come queste servono sia a sensibilizzare l’opinione pubblica sia a promuovere una nuova narrazione delle disabilità. Si tratta ogni volta di esperienze uniche, che restituiscono dignità e benessere ai nostri ospiti speciali e un enorme arricchimento umano e professionale per tutti noi, rilanciando l’idea di museo come ‘Servizio pubblico’ nel suo significato più alto”.

Vale la pena ricordare, infatti, che l’accesso alla cultura è un diritto fondamentale sancito, oltre che dalla Costituzione (art. 3), dalla Legge italiana n. 18 del 2009, che ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite, e rientra tra i principali obiettivi dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, sottoscritti nel 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU.

 

Chi è interessato a partecipare a “Museo per tutti” può contattare il Museo Irpino ai recapiti telefonici 0825 790539/ 734, scrivere all’indirizzo di posta elettronica museoirpino@mediateur.it, recarsi di persona presso l’accoglienza delle nostre due sedi o ancora inviando un messaggio sulla Fanpage ufficiale del Museo Irpino.

LASCIA UN COMMENTO