Greggi decimati per la linga blu in Irpinia. Loffreda (Coldiretti): colpa della mancata prevenzione, capi uccisi dalla burocrazia più che dalla malattia.

0
89

9d83ba95c1756069d82effad86d56526Oltre 300 animali morti in Irpinia, tra Bagnoli e Laceno, a causa della blue tongue. Coldiretti lancia l’allarme. “Fa paura la burocrazia, non la malattia.

Qualcuno dovrà pagare per i danni agli allevatori”, denuncia il direttore di Coldiretti Campania e Avellino, Salvatore Loffreda, a margine dell’incontro con oltre duecento allevatori giunti da tutta la Campania a Bagnoli Irpino (Avellino) per discutere della spinosa problematica della blue tongue, la febbre catarrale degli ovini che sta abbattendo interi greggi.

“La Regione Campania ha acquistato i vaccini e nessuno è andato a ritirarli all’Istituto Zooprofilattico di Portici – sostiene Loffreda – ormai la vaccinazione è inutile, oggi ci troviamo con un gregge debilitato e malato. Bisognava fare prevenzione mesi fa, non certamente adesso. Qualcuno dovrà risarcire gli allevatori per il mancato reddito e per il blocco della movimentazione degli animali, ennesima batosta alle già dissestate economie delle imprese zootecniche campane”. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO