I vini d'Irpinia protagonsti a Vinitaly, incontri con buyers internazionali.

0
118

Milena PEPETutto pronto per la missione Vinitaly del Consorzio di Tutela dei Vini d’Irpinia. Sono oltre 25 le aziende vitivinicole aderenti che parteciperanno ai quattro filoni di attività della fiera che si è aperta domenica 10 aprile per concludersi il successivo mercoledì 13 aprile. Il primo appuntamento è alle 11 del giorno di apertura con il Monopolio Ontario (Canada) presso la Tensostruttura B Area Regione Campania.

Il Consorzio sarà protagonista anche con Vinitaly International presso l’area della Regione Campania e della Camera di Commercio, dove si terranno degli incontri con buyers provenienti da Canada, Usa, Australia, Sudafrica, Estonia, Finlandia, Lituania, Olanda, Svezia e Lettonia. Sfileranno in passerella i migliori Docg irpini protagonisti di incontri e degustazioni immaginati per esaltare le proprietà uniche dei nostri vini e la magia di un intero territorio, straordinario riferimento nella produzione vitivinicola nazionale.

La partecipazione del Consorzio alla fiera vitivinicola di Verona è diventata nel corso degli anni un appuntamento strategico fondamentale per i principali produttori della nostra provincia che, forti del marchio di rappresentanza dell’organizzazione guidata da Milena Pepe, hanno la possibilità di aprirsi a nuovi mercati e promuovere al meglio le produzioni di qualità del territorio.

“La fiera di Verona rappresenta per i nostri produttori una vetrina internazionale di grande prestigio. Come Consorzio – precisa la presidente Pepe – affiancheremo le aziende in tutte le loro attività in un discorso di filiera destinato ad esaltare ulteriormente le potenzialità delle produzioni irpine. Non è un caso che la nostra provincia, da sempre riferimento riconosciuto nel settore, occupi ormai anche a Verona una posizione di assoluto rilievo”.

L’impegno del Consorzio sul territorio trova conferma anche nel positivo bilancio del primo incontro del ciclo di eventi promosso per migliorare ulteriormente gli standard qualitativi di produzione delle aziende irpine. Pochi giorni fa, a Montemarano, nella suggestiva cornice del locale Palazzo Castello, erano presenti oltre 150 persone tra produttori, dottori agronomi e forestali, periti agrari, agricoltori e tecnici del posto. Seguitissima anche la prova pratica arrivata al termine di un confronto durata circa tre ore.

LASCIA UN COMMENTO