Isochimica, al via udienza prelimiare al Tribunale di Avellino, Procura chiede rinvio a giudizio per 29 persone.

0
61

processoisochimicaE’ cominciata ad Avellino l’udienza preliminare sul caso Isochimica, l’azienda di Elio Graziano che dal 1983 al 1988, a Borgo Ferrovia di Avellino, liberava dall’amianto le carrozze ferroviarie per conto delle Ferrovie dello Stato.

La Procura di Avellino ha chiesto il rinvio a giudizio per 29 persone accusate, a vario titolo, di omicidio plurimo colposo, disastro doloso e disastro ambientale, lesioni, falso in atto pubblico e omissione in atti di ufficio. (ANSA)

Tantissime le associazioni che questa mattina si sono presentate davanti al centro sociale Samantha della Porta di Avellino per il maxi processo Isochimica. Le Onlus provenienti da tutta Italia, anche dal Piemonte per sostenere la vicenda degli operai dell’ex fabbrica dei veleni di Pianodardine.

Tra queste c’era Legambiente con il rappresentante nazionale Buonomo. Non hanno fatto sentire la loro assenza le donne dell’associazione “Lotta per la vita” di Borgo Ferrovia, i sindacalisti Petruzziello e Simeone e poi c’era un’associazione del Piemonte “esposti amianto onlus” che ha già seguito il processo eternit. Anche lei si costituirà parte civile, insieme ai tantissimi operai, come Carlo Sessa, che è stato presente nell’aula assieme agli altri operai e famiglie di coloro che sono deceduti. Assenti molti degli indagati, come il patron dell’ex Isochimica Elio Graziano, i funzionari delle Ferrovie dello Stato e i rappresentanti del Comune di Avellino.

LASCIA UN COMMENTO