Izzo: non c'entro in questa storia, ero infortunato. Taccone: Avellino parte lesa.

0
83

Camorra: clan avvicinò calciatore nipote del boss”Non c’entro assolutamente niente, credo nella magistratura”. Armando Izzo, il giocatore napoletano del Genoa indagato nell’inchiesta su calcio e camorra, assicura di essere estraneo alla vicenda che lo tira in ballo per due match sospetti, quando il difensore giocava in B con l’Avellino.

”Mi sembra di vivere un incubo – dice Izzo a Skysport -. Ricordo solo che ero infortunato in quelle due gare (Modena-Avellino e Avellino-Reggina ndr) e che non ho neanche giocato, ora mi sento un po’ abbattuto a leggere queste cose”. (ANSA)

Il presidente dell’Avellino, Walter Taccone, attraverso l’ufficio stampa, sottolinea che «di certo non vi è il coinvolgimento di nessuno dei dirigenti del sodalizio» nell’inchiesta della Dda di Napoli che ha portato oggi all’arresto di dieci persone e nella quale sono coinvolti ex calciatori dell’Avellino.

«Anche per questo – aggiunge – e in attesa degli sviluppi dell’inchiesta, l’Avellino è semmai parte lesa».

«La società – concludono dall’Avellino – è rispettosa delle indagini in corso».

LASCIA UN COMMENTO