L'Hospice di Solofra al congresso dell'Associazione Italiana di Epidemiologia.

0
79

hospice-solofra-compressed-765x510Il Pain Control Center Hospice di Solofra, il un centro residenziale per le Cure Palliative e la Terapia del Dolore dell’Asl Avellino, continuando nel solco di produzione scientifica originale intrapresa già dall’inizio delle proprie attività, è presente quest’anno al XXXIX Congresso dell’AIE, l’Associazione Italiana di Epidemiologia, con un proprio contributo selezionato come “poster presentation” dalla segreteria di “peer review”.

Alla stesura del lavoro scientifico, dal titolo “Percentuali di frequenza dei tipi di tumore: dati del Pain Control Center Hospice di Solofra (Av)”, hanno partecipato Geppino Genua (coordinatore tecnico scientifico Rete Cure Palliative Asl Avellino), Mario Nicola Vittorio Ferrante (commissario straordinario Asl Avellino), Carmela Fasano (medico Hospice di Solofra), Luisa Monica Rizzo (medico Hospice di Solofra), Anna Maria Strollo (direttore sanitario Distretto di Atripalda), Elena De Vinco (sociologa Associazione House Hospital), Elena Altieri (psicologa Associazione House Hospital), Sergio Canzanella (dirigente Associazione House Hospital), Giuseppe Servillo (direzione UOC Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore UNINA Federico II), Gaetano D’Onofrio (direzione sanitaria AOU Policlinico UNINA Federico II), e Lucia Genua (internship UOC Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore UNINA Federico II).

Il congresso, che si tiene a Milano dal 28 al 30 ottobre 2015, presso l’Università degli Studi Bicocca, sarà incentrato quest’anno su Alimentazione e Ambiente, Alimentazione e Salute, Alimentazione e Strategie di Prevenzione e ha l’intento di condensare il contributo dell’epidemiologia allo studio della relazione fra alimentazione e salute nell’era della globalizzazione.

Questo tema si è molto evoluto negli ultimi anni, dando vita a un sostanziale ampliamento delle conoscenze sulle cause delle malattie croniche, tra cui tumori e malattie cardiovascolari, anche grazie a un grande progetto epidemiologico europeo, EPIC, a cui l’epidemiologia italiana ha molto contribuito.

Le linee di ricerca verteranno su allattamento materno, ambiente e salute, cibo e ambiente, cibo e promozione della salute, cibo e salute, dipendenze, diseguaglianze socio-economiche di salute, epidemiologia dei tumori, farmacoepidemiologia, malattie infettive, metodi statistici ed epidemiologici, ruolo della dieta nel trattamento dei tumori, salute materno-infantile, screening oncologici, stili di vita, uso epidemiologico dei sistemi informativi sanitari, valutazione dei servizi sanitari, valutazione della prevenzione e valutazione dello stato salute della popolazione.

Il contributo del Pain Control Center riveste particolare interesse, in quanto rappresenta uno dei primi apporti scientifici di un Hospice agli studi di epidemiologia.

LASCIA UN COMMENTO