Menarini e Telefono Azzurro lanciano la prima rete anti abusi composta da medici, 15.000 pediatri sentinelle.

0
71

45-menariniI “ladri di infanzia” hanno quasi sempre i volti delle persone più amate e vicine, soprattutto quelli di mamma e papà, ma anche  dei parenti, degli amici più intimi, delle maestre di asilo o dei vicini di casa, come tristemente insegnano i più recenti casi di cronaca. Crisi economica, famiglie in difficoltà, conflittualità fra genitori e nella società ed ecco che sale il rischio di maltrattamenti e abusi: sono circa 70-80mila i bambini e gli adolescenti vittime ogni anno di violenze  ma si tratta di un tipico fenomeno “ iceberg” sottostimato, che nel 70% dei casi si consuma fra le mura domestiche , due volte su tre per mano di uno dei genitori. Lo rivelano i risultati di una recente indagine di Telefono Azzurro e Doxa Kids, secondo cui un ragazzino su tre teme che il proprio diritto a essere protetto da violenze e abusi non sia sufficientemente difeso e lo confermano i dati dell’attività del numero di emergenza 114 di Telefono Azzurro. Nella metà dei casi si tratta di violenze e abusi psicologici o fisici, in uno su dieci sessuali. Pochissime le  piccole vittime che  riescono a chiedere aiuto: uno su cinque fra coloro che subiscono abusi sessuali, uno su tre fra chi è oggetto di violenze.

Le sofferenze restano coperte dal silenzio ed è per questo che Menarini, in collaborazione con Telefono Azzurro, la Società Italiana di Pediatria (SIP), la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e l’Associazione Ospedali Pediatrici Italiani (AOPI), ha lanciato il primo progetto al mondo per la creazione di una rete antiabuso di 15mila pediatri e medici di base “sentinella”. Due le fasi: la prima, il “ train the trainers” per la formazione di  mille pediatri  che, attraverso 23 corsi intensivi in tutte le Regioni, saranno “allenati” a riconoscere i segnali di difficoltà inespressi dell’infanzia e diventeranno così vere “sentinelle” del disagio dei minori. Grazie a loro circa 15mila fra medici di base e pediatri su tutto il territorio potranno essere supportati su queste tematiche  costituendo la prima rete anti-abuso al mondo. I tredici ospedali pediatrici più importanti del Paese, inoltre, saranno coinvolti come sede dei corsi di formazione ma anche come punti di riferimento dei pediatri del territorio e centri dove poter affrontare l’emergenza e la fase di recupero successiva all’intervento per proteggere i bambini dalle violenze. L’investimento per la rete antiabuso da parte di Menarini sarà pari a circa un milione di euro. L’Italia diventa  la prima protagonista al mondo di un progetto così diffuso di contrasto alla violenza sui minori attraverso l’impegno del suo  network sanitario e della sua principale azienda farmaceutica.

 

Segnali dellabuso-page-001“Menarini è molto orgogliosa di essere la prima azienda farmaceutica a sostenere un progetto unico nel suo genere, che rappresenta un esempio per tutti gli altri Paesi e punto di partenza di un programma internazionale promosso dall’International Center for Missing and Exploited Children (ICMEC), che porterà l’Italia al centro di un grande interesse nella lotta contro l’abuso sui minori” – annunciano Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, Presidente e Vicepresidente del Gruppo Menarini

E’un progetto bellissimo che speriamo possa prevenire storie di violenza sui bimbi che non vorremmo mai sentire. Contribuirà anche a un salto di qualità di tutto il sistema sanitario italiano a salvaguardia dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.

“I pediatri svolgono un ruolo chiave nel percorso di crescita sana ed equilibrata del bambino e rappresentano il loro primo punto di contatto con il sistema sanitario ma soprattutto costituiscono un punto di riferimento e di fiducia a cui l’intera famiglia affida i propri bambini negli anni più delicati”- spiega Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro. – “Sono loro, soprattutto, le figure che devono avere le competenze per decifrare i segnali di allarme quando un bambino sta attraversando momenti problematici o si trova in situazioni di rischio. Per questo Telefono Azzurro, in  sintonia naturale con la Società Italiana di Pediatria e la Federazione Italiana Medici Pediatri, ha aderito con entusiasmo al progetto educazionale promosso da Menarini. Con la sua esperienza nell’ascolto dei bambini e degli adolescenti vittime di abusi, maturata in quasi 30 anni di attività, contribuisce a fornire le migliori competenze e modalità di intervento per dare risposte sempre più efficaci e qualificate al problema dell’abuso nel nostro Paese”.

Purtroppo il pediatra è al centro di un sistema inadeguato ad affrontare e riconoscere i segnali dell’abuso. Critica è anche la mancanza di insegnamenti specifici sia a livello di corso di laurea che di scuola di specializzazione. Forte si avverte dunque la necessità di un sistema organizzato in maniera continua e permanente, in grado di coadiuvare lo specialista che nella pratica quotidiana sospetti o riconosca un abuso”-  commentano Pietro Ferrara e Luigi Nigri, Responsabili del progetto per SIP e FIMP La pediatria italiana ha dunque accolto con grande interesse e attenzione la proposta di Menarini di processi formativi sui temi dell’abuso e del maltrattamento che oggi non possono essere più trascurati per le gravi conseguenze che determinano sulla salute del bambino nel breve e lungo termine. Un bambino maltrattato e/o abusato, infatti, non solo è più a rischio di disturbi fisici, psicologici e del comportamento, ma anche di danni organici nella vita adulta” –  sottolineano gli esperti – “Per questo SIP e FIMP ritengono motivo di orgoglio professionale e di maggiore utilità sociale, l’attivazione di una rete di supporto tra pediatri, che colleghi la realtà ospedaliera alla pediatria locale, coinvolgendo le diverse figure professionali e, se necessario, Forze dell’Ordine, Magistratura, Servizi Sociali e Comunità di accoglienza, in un’azione comune e in una cornice nazionale condivise”.

LASCIA UN COMMENTO