Polveri, il Comune studia misure anti inquinamento.

0
64

piazza-macelloRimane alta l’attenzione dell’Amministrazione Comunale sull’inquinamento atmosferico in città.

L’assessore all’ambiente Giuseppe Ruberto ha già avviato una serie di incontri con Arpac, Asl e Comitato residenti Piazza Kennedy per accogliere le loro istanze e ricercare possibili soluzioni. “Non ci sarà nessun provvedimento restrittivo – ha sottolineato più volte lo stesso assessore – qualsiasi azione che potrebbe essere assunta nelle prossime settimane va in una sola direzione, la tutela della salute pubblica”.

All’incontro che si è svolto mercoledì 11 marzo a Palazzo di Città sono intervenuti il responsabile della rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria dott. Giuseppe Onorati, il dott. Gaetano Morrone direttore del servizio igiene e sanità pubblica dell’Asl di Avellino, Carlo Caramelli del Tribunale dei diritti del malato e Rosanna Rebulla in rappresentanza dei residenti di Piazza Kennedy.

I dati dei rilevamenti forniti dall’Arpac fanno riferimento al periodo che va da novembre 2014 a febbraio 2015, ma entro la fine di questo mese sono attesi dati di rilevazioni più dettagliati. In ogni caso dai rilevamenti analizzati si evince che negli ultimi due mesi in città gli sforamenti dei limiti massimi di No2 sono stati quotidiani. Tra l’altro la preoccupazione evidenziata dall’Arpac riguarda anche le polveri sottili e altre parti della città come riferiscono le centraline di Via Colombo e Via Oscar D’Agostino.

La situazione resta critica, in particolare a Piazza Kennedy, anche per la presenza del terminal degli autobus. Altro fattore che concorre a peggiorare la situazione è la congestione del traffico dovuta ai lavori pubblici in città altrettanto importanti.
In attesa della relazione conclusiva dell’Arpac, che dovrebbe essere resa pubblica entro la fine di maggio, il Comune sta già valutando una serie di interventi correttivi come prospettato dall’assessore.

“Per gli autobus di Piazza Kennedy – spiega Ruberto – si sta pensando ad un intervento che regolamenti lo stazionamento dei pullman e modifichi il tempo di accensione dei motori prima della loro partenza ed il tempo previsto per la sosta.

Si potrebbe – prosegue l’assessore – se si rendesse necessario, ricorrere alle targhe alterne per gli automobilisti. In ogni caso, dopo la fase di monitoraggio sarà predisposto un tavolo tecnico interno la cui azione è mirata ad individuare tutte le misure emergenziali tese a superare il problema”.

È stata così superata l’ipotesi dello sdoppiamento del terminal degli autobus a Piazza Kennedy, mentre l’assessore all’urbanistica Marietta Giordano sta lavorando per concretizzare la procedura d’esproprio dell’area di via Colombo dove verrà ultimata l’autostazione.

LASCIA UN COMMENTO