Salotto dei vini buoni, 16 e 17 ottobre a Montemarano.

0
108

Festa-del-vino_-Montemarano-salotto-dei-vini-buoni-215x30032^ Edizione
Sagra del vino
Montemarano salotto dei vini buoni 16 e 17 Ottobre 2015 – ore 19,00

Piazza Mercato – Montemarano (AV) Venerdì 16 e sabato 17 ottobre protagonista il vino Aglianico con un evento dove convegni, degustazioni, mostre, visite guidate, spettacoli musicali e workshop, faranno da cornice all’inaugurazione dell’Eco-Museo del Vino, sito all’interno del restaurato Palazzo-Castello Medievale.

Montemarano, la capitale dell’Aglianico sita in provincia di Avellino, torna a far parlare di sé e del suo prodotto tipico di eccellenza e lo fa con una due giorni che si preannuncia entusiasmante. Il centro storico dell’antico borgo irpino, profumato dai sentori delle uve aglianico, solida fortezza ultrasecolare e labirinto di contrade tutte da esplorare, ospiterà venerdì 16 e sabato 17 ottobre la kermesse enologica “Festa del vino”, durante la quale il comune di Montemarano sarà presentato come il “Salotto dei vini buoni” d’Irpinia. Per due giorni protagonista indiscusso dell’evento sarà proprio il vitigno Aglianico, padre del pregiato Taurasi DOCG che da anni contribuisce a rendere famosa la terra d’Irpinia nel mondo.

L’Aglianico, vino dall’intenso colore rosso rubino, dal gusto intenso e corposo e caratterizzato da un inebriante mix di profumi, sarà al centro di un ricco programma di iniziative, dove convegni, degustazioni, mostre, visite guidate, spettacoli musicali e workshop, faranno da cornice all’inaugurazione dell’Eco-Museo del Vino, sito all’interno del restaurato Palazzo-Castello Medievale, già dimora dei Giambattista Basile, autore de “Lo cunto de li cunti”.

La struttura, recuperta grazie ai finanziamenti ottenuti all’interno dei Progetti Integrali Rurali per le Aree Protette (P.I.R.A.P.) Parco Regionale dei Monti Picentini – Misura 313 del PSR Campania 2007/2013, occupa una superficie di 130 mq circa al piano terra e si sviluppa lungo cinque sale espositive unite da un percorso che le attraversa.

Il visitatore, una volta varcato l’ingresso, sarà accompagnato da un nastro viola sul quale sarà proiettato un cortometraggio, a cura del giovane e premiato regista salernitano Andrea D’Ambrosio, che racconterà il vino da diverse angolature. Immagini e audio aiuteranno curiosi, tecnici del settore e appassionati a conoscere le origini e lo sviluppo del vino all’interno del territorio di Montemarano.

Il piano superiore del Palazzo- Castello, anch’esso recuperato con un finanziamento a valere sulla Misura 321 del PSR Campania 2007/2013, sempre all’interno dei Progetti Integrali Rurali per le Aree Protette (P.I.R.A.P.) – Parco Regionale dei Monti Picentini, ospiterà, invece, una sala conferenze per circa 100 posti a sedere, una saletta riunioni e un laboratorio operativo con postazioni pc.

L’apertura di questo “Palazzo del Vino” sarà degnamente celebrata nei giorni 16 e 17 ottobre. Per l’occasione le numerose cantine montemaranesi saranno in mostra nella cornice del folklore locale, arricchita da itinerari di degustazione dedicati alle eccellenze storiche dell’areale di produzione del Taurasi. Non mancheranno i momenti istituzionali e di approfondimento con il convegno “”Agricoltura: da sostentamento a progetto imprenditoriale”, che si terrà venerdì 16 alle ore 17,00, e il convegno: “Il Salotto del Vino: dall’impresa al cortometraggio”.

Interverranno al dibattito enogiornalisti delle maggiori testate di settore, nazionali e internazionali. Ai convegni faranno seguito una cena a cura degli chef stellati Michelin della provincia di Avellino, un percorso di degustazione nelle piazze panoramiche dell’antico borgo e una verticale dei vini di eccellenza Irpini nel restaurato Palazzo Castello.

Non mancheranno musica, animazione e folklore locale. Sabato 17 sono previsti anche l’incontro “Associazioni e cantine del territorio a confronto”, il workshop “Carnevale figlio di Bacco” e la verticale storica “Ventennale della Docg Taurasi: le prime bottiglie”.

Tanti appuntamenti e iniziative per una imperdibile due giorni nella capitale irpina dell’Aglianico.

LASCIA UN COMMENTO