Sidigas Avellino chiude con una vittoria il precampionato, battuta Agropoli nel trofeo Lepore, ora testa alla Supercoppa.

0
140

trofeolepore-1La Sidigas Avellino termina con una vittoria il suo precampionato. La squadra di coach Sacripanti lo fa nei migliori dei modi aggiudicandosi il 24° Trofeo “Vito Lepore” battendo Agropoli 81-51. Buona la prova dei biancoverdi prima dell’ esordio stagionale in Super coppa contro Reggio Emilia. Ottime le prove di Cusin autore di 16 punti e 10 rimbalzi e Ragland 15 punti e 8 assist. Nell’intervallo c’è stata la cerimonia di ritiro della maglia di ‘Giggetto’ Valentino con l’ingegnere De Cesare che ha consegnato alla famiglia la maglia numero 15.

Parte bene Agropoli con due canestri sulla sirena. Rispondono prima Ragland e poi Thomas e Randolph (7-5). Avellino è da subito aggressiva in difesa che riesce a bloccare ogni tentativo offensivo della squadra di Finelli, che è costretta a tirare quasi sempre allo scadere dei 24’’. Ne giova il contropiede della Sidigas che va a canestro con Randolph e Cusin( gioco da 4 punti) e Thomas che inchioda la schiacciata (17-5). Sacripanti inizia la girandola dei cambi inserendo Green e Zerini. Agropoli però inizia e crescere e colleziona un 8-0 di parziale con Santolamazza e Carenza che riporta sotto i salernitani (17-13). Ragland però chiude il quarto con un personalissimo 5-0 di parziale, al 10’ (22-13)

La Sidigas inizia come nella prima frazione. L’aggressività dei biancoverdi permette alla squadra di Sacripanti di trovare punti facili in contropiede con Cusin e Thomas (29-23). Il numero 55 irpino segna ancora da dentro l’area ed Avellino va sul +9 (34-25). Zerini e Randolph fissano il punteggio al 20’ sul + 8 (39-27).

Al ritorno dall’intervallo lungo, Leunen e compagni spingono sull’acceleratore. Prima il numero 10 irpino dalla lunga distanza e poi lo imita Thomas. Un canestro di Carenza per Agropoli fissa il punteggio sul +16 (45-29). Ragland segna 4 punti di fila dalla linea della carità e poi serve un assist al bacio per Parlato che si iscrive a referto da tre, portando la Scandone sul +20 (54-34). Contento segna per Agropoli mentre Randolph chiude il quarto con due punti dalla lunetta, al 30’ Avellino sempre avanti di 20 (59-39).

Nell’ultimo quarto coach Sacripanti da spazio a Parlato e Severini ed Esposito, con questi ultimi due che ripagano subito il coach. Il primo recupera palla gli altri due vanno a canestro in contropiede (65-42). Parlato segna ancora da tre, Cusin invece prima mette due punti da dentro l’area e poi con una schiacciata (74-47). Ultimi minuti di “garbage time” che serve ai giocatori per rimpinguare il personale tabellino e dare un po’ di spazio ai più giovani. Il punteggio finale è di 81-51 a favore dei biancoverdi.

LASCIA UN COMMENTO