Il Sorriso di Borgo, trasferta in Romagna.

0
159

Il circolo ANSPI “Il Sorriso di Borgo” sta lavorando all’evento romagnolo, con lo svolgimento, domenica scorsa, di due amichevoli preparatorie contro i pari età di “Oratorio San Biagio” di Lanzara in Castel San Giorgio (SA), concluse con due vittorie nette per le formazioni montoresi, rispettivamente 7-3 per i juniores (nati 2001/2002/2003) e oltre dieci gol di scarto per i seniores (nati 1999/2000).

In questa occasione gli atleti hanno avuto già modo di ringraziare il sostegno offerto dall’intera amministrazione comunale di Montoro, rappresentato dalla presenza dell’avvocato Raffaele Guariniello, il cui Assessorato, per sport, cultura, spettacolo e tempo libero, ha offerto i completi sportivi, nonché dalla partecipazione della consigliera Paola Guarino, madre della piccola Mariella, a cui è stata dedicata una maglietta commemorativa.

Accertata con successo, dunque, la tenuta fisica dei montoresi, dovranno gareggiare con gli avversari provenienti da tutta Italia i seguenti ragazzi:

  • Francesco Ercolino; Luca De Girolamo; Giuseppe Fratello; Angelo Giaquinto; Gerardo Russo; Mario Serafino (categoria seniores)
  • Biagio Abignano; Francesco De Girolamo; Giuseppe Fiorillo; Carmine Lettieri; Pasquale Lettieri; Jacopo Lombardi; Marcin Maczuga (categoria juniores)

Questi adolescenti, già durante le fasi locali, sono stati seguiti da un mister d’eccezione, cioè il presidente Gerardo De Girolamo, il quale sarà coach di ambo le squadre anche durante le partite dell’evento nazionale. Ma il nostro non sarà l’unico accompagnatore di questi piccini alla rassegna, infatti anche alcuni genitori e membri adulti de “Il Sorriso di Borgo” vigileranno sui giovani protagonisti durante la trasferta in terra bellariese.

Una volta arrivati in Emilia-Romagna, l’evento sportivo partirà lunedì mattina con le sfide sportive, che si svolgeranno secondo le seguenti modalità: gironi all’italiana con incontri di sola andata; semifinale e finali previste nella mattinata di giovedì 1° settembre.

In conclusione, non resta altro che augurare un grosso in bocca al lupo a questi baldi giovani, con la speranza di tornare a casa con l’ambito trofeo.

LASCIA UN COMMENTO