Torna Scuole a Teatro, primo appuntamento con Cappuccetto Rosso al Gesualdo.

0
75

608637808ff4f97244139f8d966ccac1_LE’ una delle fiabe più amate e conosciute al mondo e inaugurerà la nuova stagione di “Scuole a Teatro 2016“, fortunata rassegna di teatro per ragazzi, giunta alla XIV edizione.

Oggi, mercoledì 10 febbraio 2016, alle ore 10:00 torna il teatro per ragazzi targato “Carlo Gesualdo” di Avellino che apre i battenti per ospitare “Cappuccetto Rosso” de “La Mansarda” di Caserta, la prima delle 8 compagnie selezionate nei migliori festival per ragazzi d’Italia che da febbraio ad aprile arricchiranno il cartellone di “Scuole a Teatro 2016”.

“Cappuccetto Rosso” è una delle fiabe europee più popolari, ma la più antica è senz’altro la versione del francese Charles Perrault, nella quale il lieto fine, presente invece nella versione dei fratelli Grimm, è assente.

Nella trasposizione teatrale messa in scena dalla compagnia “La Mansarda” di Caserta, il lieto fine è d’obbligo, ma il colore dei personaggi è in linea con la morale della fiaba di Perrault. Cappuccetto Rosso è dispettosa e disubbidiente, ed anche un po’ pasticciona, ed il lupo è un povero predatore solitario, costretto alla caccia per la sopravvivenza. Più scuro il personaggio del cacciatore, eroe e salvatore suo malgrado, ma avvezzo a collezionare trofei con il suo schioppetto. E poi, il Lupo, unica vera vittima della storia.

Il linguaggio in versi è gradevole e raffinato, i dialoghi divertenti e le situazioni appassionanti rendono avvincente e singolare un racconto senz’altro noto, ma rinnovato proprio dalla peculiarità dei personaggi, tra i quali spicca la nonna, vero spunto comico di tutto l’intreccio narrativo, ed il lupo, vecchio attore decaduto e sdentato, in grado solo di inghiottire, senza poterle masticare, le sue prede.

Quella in programma per il 2016 sarà una stagione di Teatro ragazzi intensa ed entusiasmante, dedicata ai giovani studenti irpini dai 3 ai 18 anni, organizzata dall’Istituzione Teatro Comunale “Carlo Gesualdo” di Avellino, presieduto da Luca Cipriano, con Salvatore Gebbia e Carmine Santaniello, componenti del Consiglio di amministrazione, in collaborazione con l’associazione culturale «Mister Punch» presieduta da Espedito Giaccio.

Otto avvincenti incursioni nel mondo della fabula e dei grandi classici della letteratura per ragazzi, ma anche momenti di riflessione, declinati attraverso il teatro d’attualità e una rappresentazione in lingua curata dall’Alliançe Française presieduta da Luciana Barile. E poi una serie di occasioni per socializzare attraverso visite didattiche guidate e una serie di appuntamenti per scoprire il teatro, i musei e la città di Avellino. Un convegno-dibattito il 29 febbraio che permetterà ai nostri giovani di interrogarsi sulla necessità di superare le diseguaglianze e una grande novità data dalla lezione-spettacolo sulla filosofia dal titolo “Il Medioevo Raccontato”, tenuta dal professore Armando Bisogno dell’Università degli Studi di Salerno, rivolta agli alunni delle Scuole superiori che si terrà il 22 marzo.

«Anche quest’anno investiamo sui nostri giovani spettatori con un cartellone di teatro dedicato ai ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori della città e della provincia che, come sempre, è ricco ed articolato. Un’avventura che ci vedrà impegnati da febbraio ad aprile con 8 spettacoli, una rappresentazione organizzata dall’Alliance Française e il nostro tradizionale Concerto di Primavera che chiuderà la stagione – spiega il presidente dell’Istituzione Teatro comunale Luca Cipriano – Con il progetto Scuole a Teatro apriamo la più importante Istituzione culturale d’Irpinia alla curiosità e all’effervescenza dei giovani studenti delle scuole, offrendo loro una rassegna variegata, con proposte diverse tra loro, in grado di far riflettere e generare domande ed emozioni sulla vita e indagarne tutti i suoi aspetti».

Tutti gli spettacoli si terranno al Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino con inizio alle ore 10.
Il costo del biglietto sarà di 7euro per la platea, e di 5euro per la galleria (aperta solo in caso di esaurimento dei posti in platea).
Solo per gli alunni della città di Avellino, il costo del biglietto sarà di 9 euro, comprensivo del trasporto in bus (2 euro).

LASCIA UN COMMENTO