USB chiama i dipendenti del Moscati alla partecipazione.

0
675

L’Unità sindacale di base, il sindacato Usb, continua nell’opera di radicamento e di organizzazione ad Avellino e in Irpinia.

Le azioni incessanti di costruzione e ricostruzione della solidarietà nel lavoro e tra i lavoratori, messe in atto dai dirigenti provinciali e regionali, hanno reso possibile l’insediamento del sindacato anche presso l’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino, dove tanti operatori del settore, con la loro iscrizione, hanno deciso di dare fiducia a un sindacato conflittuale, trasparente e partecipativo.

“Il nostro primo obiettivo è dare un punto di riferimento a tutti i colleghi che non si sentono più rappresentati da sindacati che ormai non esercitano più un ruolo di difesa dei diritti del lavoro – si legge in una nota congiunta redatta da Vito Storniello, componente del Coordinamento Nazionale Usb Sanità, e da Giovanni Russo, coordinatore aziendale Usb presso l’Azienda Moscati -. La nostra sfida è di presentarsi alle elezioni Rsu di aprile con una lista aperta a tutti i colleghi che vogliono diventare veri protagonisti del loro futuro. Come Usb del Moscati di Avellino riteniamo che l’unico modo efficace, per un reale cambiamento, sia la partecipazione diretta dei lavoratori. Non si può e non si deve più delegare ad altri, perché i lavoratori possono far sentire, comprendere e difendere i diritti basilari ormai quotidianamente usurpati e calpestati. I diritti tornino a chiamarsi tali e non a essere considerati favori. Noi ci battiamo per le pari opportunità per tutti contro il clientelismo. I doveri devono essere scritti e concordati e non imposti arbitrariamente con un autoritarismo sempre più imperante. Quindi, basta delegare chi non difende il lavoro e basta stare a guardare mentre ci tolgono tutto!”.

LASCIA UN COMMENTO