Non riesce il bis alla Sidigas, vince Milano, serie 1-1.

0
852

Parità nella serie con la vittoria dell’Olimpia Milano in Gara-2 dei Quarti di Finale. Gli uomini di coach Maffezzoli si impongono nel primo quarto ma cedono poi il passo all’A|X nei successivi, con il tabellone che segna 76-61 in favore dei padroni di casa al termine dei quaranta minuti. La serie si sposta adesso al PalaDelMauro, con Gara-3 in programma mercoledì 22 maggio alle ore 20.30

Primo Quarto (13-18): Alla palla a due del secondo appuntamento dei Quarti di Finale coach Pianigiani inizia con Jerrells, Micov, Nunnally, Brooks e Tarczewski; Maffezzoli schiera Sykes, Harper, Campogrande, Udanoh e Young. Entrambe le formazioni faticano a concretizzare nei primi 2′, la sblocca Young con l’appoggio da sotto, seguito dall’arresto e tiro di Jerrells. Sykes scalda subito la mano dalla lunga distanza, con tre triple consecutive intervallate dal tiro di Brooks (4-11). Ancora Brooks con l’1/2 dalla lunetta ma Harper risponde col tiro dall’area: sul 5-13 dopo 6′ è time-out per l’Olimpia Milano. La coppia Udanoh-Sykes combina per altri 5 punti, l’A|X ci mette un po’ per reagire ma alla fine piazza il parziale di 8-0 grazie a Cinciarini e Micov: sul 12-18 è coach Maffezzoli a spendere il time-out. Micov mette a segno anche il libero aggiuntivo e chiude di fatto il primo quarto sul 13-18.

Secondo Quarto (42-30): Micov e Harper sono i protagonisti dell’avvio del secondo quarto, con rispettivamente 4 punti a testa nei primi 2’30”, è poi l’ex Nunnally con una tripla e un gioco da quattro punti a regalare il primo vantaggio a Milano (24-22); Tarczewski rincara la dose con la schiacciata del +6 e, sulla successiva palla persa di Sykes, l’head coach biancoverde spende il secondo time-out a disposizione. Mossa efficace che scatena la reazione della squadra irpina che, con la schiacciata di Young e il bottino pieno alla lunetta di Sykes, si riporta in parità (26-26). Immediata la risposta dell’Olimpia, con il break di 12-2 grazie ad un Jerrells scatenato al tiro coadiuvato da Tarczewski, Nunnally e Della Valle: +10 per i padroni di casa a 1:13 dall’intervallo lungo (38-28). Silins sbaglia la tripla del possibile -7 a pochi secondi dal termine del secondo quarto, con Della Valle che recupera palla e corre in contropiede per siglare il 42-30 sul foto finish.

Terzo Quarto (58-44): Sbaglia troppo la Sidigas al rientro dagli spogliatoi, senza riuscire a ricucire lo strappo rimediato nel quarto precedente: dopo 4′ ed altrettanti punti consecutivi di Tarczewski, Maffezzoli richiama i suoi in panchina (48-34). Nunnally e Burns aumentano il divario, con i biancoverdi che trovano punti solo nelle mani di Harper (52-36). Silins prova a trascinare i suoi con la tripla del -16, immediatamente vanificata da quella di Jerrells. Il fallo tecnico fischiato a Brooks regala tre liberi ad Harper, che fa bottino pieno ma ancora l’Olimpia risponde con prontezza grazie alla tripla di Nunnally. Il terzo quarto si chiude sul tiro di Sykes che vale il 58-44.

Quarto Quarto (76-61): Il fallo tecnico fischiato ad Udanoh nei primissimi secondi dell’ultimo quarto regala un tiro dalla lunetta a Nunnally, concretizzato. Il numero 0 in maglia biancoverde si fa immediatamente perdonare con l’arresto e tiro dall’area, che innesca il parziale di 7-0 per la Sidigas: time-out per Pianigiani. I biancorossi non si lasciano intimorire e rispondono subito con le triple di Jerrells e Kuzminskas per il nuovo +15: a 6:19 dal termine del match, Maffezzoli chiama time-out (68-53). Udanoh e Sykes provano ad accorciare il divario ma l’Olimpia risponde colpo su colpo. Alla fine del match i biancoverdi si arrendono per 76-61 ai biancorossi.

Non riesce il secondo colpo esterno consecutivo alla Sidigas Avellino, che cede al Mediolanum Forum in Gara-2 per 76-61. Gli uomini di coach Maffezzoli ci riproveranno in Gara-3, con la serie che si sposterà al PalaDelMauro di Avellino: palla a due alle ore 20.30 di mercoledì 22 maggio.

Così l’head coach Massimo Maffezzoli ai microfoni dei giornalisti in sala stampa:

Complimenti a Milano per la vittoria e per aver fatto la partita che ci aspettavamo avrebbe fatto. Non posso recriminare nulla alla mia squadra in termini di volontà. Milano è stata molto più aggressiva al rimbalzo offensivo rispetto a Gara-1 e questo è stato sicuramente uno degli elementi che le ha fatto meritare di vincere. Come non ci siamo esaltati al termine di Gara-1, non ci abbattiamo adesso per questa sconfitta: la serie è sull’1-1, si torna a casa nostra dove ci prepariamo ad affrontare Gara-3 nel migliore dei modi.

Purtroppo continuiamo a fare i conti con problemi di infortuni: a Ndiaye si è riacutizzato il dolore al piede e nei prossimi giorni ne valuteremo l’entità. Chiaramente è un danno per noi in un reparto in cui già soffriamo ma, come abbiamo sempre fatto, faremo in modo da far rendere al meglio chi abbiamo a disposizione. Su Nichols e Green resto in attesa del verdetto dello staff medico, non so dire quando potranno tornare ad essere dei nostri“.

LASCIA UN COMMENTO