Forestali, il M5S accusa: la maggioranza in Regione se ne infischia.

0
131

“Avevamo chiesto attraverso un odg al Consiglio regionale di calendarizzare un provvedimento della Giunta per sbloccare l’erogazione degli stipendi dei lavoratori forestali delle aree demaniali, si tratta di 183 lavoratori a tempo indeterminato, che da mesi non percepiscono lo stipendio. Un gruppo della maggioranza si è rifiutato di apporre la firma sotto al documento infischiandosene di persone che vivono una situazione di grave difficoltà economica”.

Lo denuncia Gennaro Saiello, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle che dopo aver presentato interrogazioni, rimaste senza risposta, chiesto l’intervento in Commissione oggi in aula nel corso del Consiglio regionale ha presentato l’odg e con grande sorpresa ha incassato il rifiuto di un esponente della maggioranza.

“Provo compassione per questo consigliere – sottolinea Saiello – la vicenda di questi lavoratori che si occupano del servizio di manutenzione e valorizzazione delle aree demaniali che rappresentano per la Campania un importante attrattore turistico è nota”.

“Ci aspettavamo un intervento del presidente De Luca e degli assessori al Lavoro e alle Politiche sociali rispettivamente Palmeri e Fortini – evidenzia – ma su questi lavoratori è calato un silenzio inquietante”. “Mancano gli stipendi di marzo e aprile di quest’anno – aggiunge Saiello – sono mesi che i lavoratori protestano per rivendicare i propri diritti”. “Le criticità già erano emerse nel corso di un’audizione in VIII Commissione consiliare permanente – fa notare il consigliere regionale – e si era accertato che i loro stipendi fanno parte di un capitolo di spesa della Regione Campania e non in alcun modo, invece, dei Fondi Europei”. “Il nostro ordine del giorno era un invito al Consiglio regionale e quindi alla Giunta – continua – ad assumere ogni intervento per garantire il pagamento dei 183 lavoratori delle mensilità arretrate ed evitare il ripetersi, in futuro, di simili condizioni”. “Constatiamo con amarezza che in Consiglio – conclude Saiello – non tutti si fanno carico dei problemi dei lavoratori”.

LASCIA UN COMMENTO