Presentati i vini di Totò by Claudio Quarta.

0
405

A un anno dalla presentazione sperimentale al Vinitaly vede la luce il primo vino ispirato all’indimenticabile Totò. Anzi due: Totò Bianco e Totò Rosso.   Lunedì, una festa nella cantina irpina Sanpaolo di Claudio Quarta Vignaiolo tra Tufo e Torrioni (AV) con tutta la comunità, per la prima ufficiale dei due vini con cui prende il via il progetto celebrativo permanente “’A Livella”, che ambisce a far rivivere l’eredità culturale di Totò, unendo le generazioni con linguaggi e contenuti trasversali al mondo dell’arte e del vino.

Con i padroni di casa Alessandra e Claudio Quarta erano presenti anche Elena Anticoli De Curtis e Antonello Buffardi de Curtis, nipoti di Antonio De Curtis. “Abbiamo pensato di dare vita a due vini, un rosso e un bianco – spiega Claudio Quarta – per rendere plasticamente le due maschere che ha saputo incarnare Totò, quella dualità che ha accompagnato la sua esistenza e il percorso artistico: miseria e nobiltà, lacrime e risate, ironia amara come mezzo lieve per descrivere le difficoltà di una società ed un periodo duro”.

Grande l’entusiasmo da parte di tutta la comunità locale per la presentazione del progetto a cui hanno partecipato il sindaco di Torrioni, Virgilio Donnarumma, il sindaco di Tufo, Nunzio Donnarumma, il presidente della Provincia, Domenico Biancardi, i giornalisti di settore, tanti produttori della zona, le istituzioni del vino –  dall’AIS, alla FIS, all’ONAV – e dei Consorzi di Tutela, i ristoratori, i clienti e i vicini di Cantina Sanpaolo.

Una festa che ha condotto gli ospiti all’interno della cantina dove si lavorano i “mitici bianchi” irpini come il Greco di Tufo, il Fiano di Avellino, la Falanghina insieme alle uve di Aglianico per il Taurasi: una grande famiglia di vini a cui si aggiungono oggi i due Totò, prodotti da vitigni campani, anche minori.

La visita della cantina è stata l’occasione per rivivere le emozioni dell’arte di Totò grazie alle incursioni fra botti e silos dell’attore Marcantonio Scaramuzza, che ha accompagnato gli ospiti dentro il mondo di Totò recitando alcuni brani dal suo repertorio, e alle scene tratte da alcuni suoi celebri film proiettati nella bottaia, selezionati da Giuseppe Cozzolino, docente di Cinema ed autore del progetto “Un Totò al giorno”.  “D’altronde – spiegano Alessandra e Claudio Quarta – il vino, come il cinema e il teatro, può regalare grandi emozioni. Totò è un personaggio che sa raccontare ancora oggi la complessità del vivere, della società, dell’uomo: la poetica del linguaggio popolare, la sua risata, le sue maschere sono autentiche e trasversali, uniscono senza distinzioni di ceto e rango, come  l’arte vera sa fare.  E il vino”.

Pensata inizialmente come un’etichetta, A Livella evolve in un progetto celebrativo permanente che vede la stretta collaborazione di Claudio Quarta Vignaiolo con la famiglia De Curtis e l’Associazione Antonio De Curtis. “Siamo felici ed emozionati per essere i primi nel mondo del vino a celebrare l’immensa eredità culturale che ci ha consegnato il Principe della risata e quella della sua famiglia, con un progetto enologico e culturale autentico e identitario. – spiega Alessandra Quarta, giovane produttrice che ha seguito il papà nelle vigne di Puglia e Campania – La poesia dà il nome al progetto, perché rappresenta il testamento artistico e culturale di Totò, un bagaglio a cui attingere per raccontarne la poliedricità”.

“Ho trovato in Alessandra – commenta Elena Anticoli De Curtis –  il mio stesso amore per la cultura del buon cibo e del buon vino, che entrambe abbiamo raccolto dalle nostre famiglie. Questo elemento ha caratterizzato il nostro impegno condiviso nella realizzazione del progetto, che ho subito accolto per la simpatia e la piacevolezza che trasmette nel celebrare la memoria del nonno. Lui oggi più che mai è presente tra noi: le sue battute fanno parte del nostro linguaggio, la sua immagine viene ritratta ovunque, tante sono le testimonianze anche dall’estero. Insomma, nella sua assenza possiamo dire che c’è una presenza continua. Nel portare in tavola il vino Totò mi piace immaginare il sentimento affettuoso dello stare insieme, quello stato di felicità che, come diceva lui, è fatta di attimi di dimenticanza”.

Claudio e Alessandra hanno cercato a lungo i vitigni con cui esprimere il gusto “partenopeo” attraverso la ricchezza del territorio campano: selezionano e lavorano le uve di vitigni autoctoni, alcuni anche minori. La scelta cade su Piedirosso e Casavecchia per il “Totò Rosso” e su Greco e Fiano per il “Totò Bianco”.

“Questi vini – spiega Claudio Quarta – appartengono a tutti, così come è di tutti e profondamente trasversale l’eredità di Totò. E infatti cessano di essere solamente vini irpini, abbracciando tutta la Campania, che abbiamo setacciato in lungo e in largo per cercare le uve giuste per il progetto. A Caserta abbiamo trovato il Piedirosso, un grande vitigno campano, molto diffuso, con un gran frutto e vivacità, e il Casavecchia, che è una reliquia del territorio, che regala grandi emozioni in una struttura forte e tannica come l’Aglianico. Per il bianco siamo rimasti più vicini: a cavallo tra le due provincie di Avellino e Benevento abbiamo raccolto uve di Greco e di Fiano. In tutti e due i casi abbiamo cercato di mettere insieme vitigni interessantissimi che hanno una grande complementarietà e che raccontano un gusto ed una eredità regionale”.

Le bottiglie ospitano due etichette d’autore, realizzate da Efrem Barrotta, illustratore creativo di Big Sur. Frutto di un unico studio che mette in evidenza la poliedricità dell’artista, riproducono due espressioni diverse della sua maschera facciale, attraverso il semplice spostamento di linee, riconducibili una ai suoi personaggi popolari, l’altra ai suoi atteggiamenti aristocratici.

“Siamo commossi – conclude Alessandra – per l’affetto con cui la comunità ha accolto i vini di Totò, partecipando fattivamente alla buona riuscita della festa, come solo i campani sanno fare. In particolare ringraziamo il ristorante Lucariello di Prata di P.U. per aver preparato la tipica spaghettata napoletana sulla terrazza della cantina, La Rustichella di Giampiero Scala (Montemiletto) per aver offerto la pasta fresca, il Caseificio la Regina Cioffi (Pontecagnano) per i bocconcini di mozzarella, Giovanniello Salumi d’Irpinia (Trevico) per i salumi, Mamafè Floral Designer di Adele Petruzziello (Pratola Serra) per i fiori e Dolciarte di Carmen Vecchione per i babà.

SCHEDE VINO

TOTÓ ROSSO

 

DENOMINAZIONE DI ORIGINE: ROSSO CAMPANIA IGP

LUOGO DI PRODUZIONE: CANTINA SANPAOLO DI CLAUDIO QUARTA VIGNAIOLO (TORRIONI,AVELLINO)

ANNATA: 2017

BLEND: 70% CASAVECCHIA + 30% PIEDIROSSO

BOTTIGLIE PRODOTTE: 6650 btg

Provenienza delle uve: Pastorano (Caserta)

Forma di allevamento: guyot

Orientamento dei filari: nord-sud

Terreni: Da terreni pianeggianti (70 m slm) di tipo alluvionale, ricchi di sostanza organica e di elementi nutritivi.

NOTA DI PRODUZIONE: L’area di coltivazione delle uve rientra nella IGP “Terre del Volturno”. Il vino è stato riclassificato a rosso IGP Campania, poichè le uve sono state vinificate fuori dalle zone di produzione.

NOTE DI DEGUSTAZIONE DELL’ENOLOGO: Cromaticità straordinaria, colore rosso rubino con riflessi violacei (la nota viva del Piedirosso). Al naso note floreali, di viola-violetta, frutto fresco, e leggera balsamicità. Spezie dolci, cannella e chiodi di garofano. Alla bocca ottima struttura, tannino presente, abbastanza morbido sebbene ancora giovane, oltre alla vivacità del Piedirosso, finale persistente. Elemento tattile legato alla piccantezza.

Prospettiva di grande longevità.

TOTÓ BIANCO

DENOMINAZIONE: BIANCO CAMPANIA IGP

LUOGO DI PRODUZIONE: CANTINA SANPAOLO DI CLAUDIO QUARTA VIGNAIOLO (TORRIONI, AVELLINO)

ANNATA: 2018

BLEND: 50% FIANO + 50% GRECO

BOTTIGLIE PRODOTTE: 6650 btg – Il taglio totale è stato di 100 hl – per il momento sono state imbottigliate circa 6650 bt.

Provenienza delle uve: Vitulano (Benevento)

Forma di allevamento: Guyot

Orientamento filari: est-ovest

Terreni: Terreni fertili di tipo alluvionale di medio impasto, altitudini inferiori ai 200 m slm.

NOTE DI DEGUSTAZIONE DELL’ENOLOGO: Colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, molto luminoso. Al naso bel frutto con sentori vegetali, di erbe aromatiche e di felce, e di delicata frutta bianca, di mela, successivamente sentori minerali tipici della zona. Alla bocca fa un ingresso molto morbido, elegante, risulta fresco, ben equilibrato e persistente. Vino gastronomico.

LASCIA UN COMMENTO