Opulentia Festival della cultura e del giornalismo da vanerdì 5 a Cervinara.

0
293

Venerdì 5 Ottobre 2018, alle ore 10.00, ha inizio Opulentia Festival della cultura e del giornalismo a Cervinara (AV) presso la Sala Convegni Nicodemo De Vito. L’evento promuove la libertà d’informazione, proponendo tra i propri ospiti personalità che hanno speso la propria vita per questo, e la tutela delle minoranze sociali e culturali.

La kermesse, a cura dell’associazione L’Altra Faccia, diretta da Tommaso Bello, con media partner UserTv, con la collaborazione delle associazioni Piccole Donne e Cervinara ha bisogno di te e con il patrocinio del comune di Cervinara (AV), inaugura la IV edizione del festival nell’ambito di #opulentiaperlascuola con un incontro con Paolo Miggiano,giornalista e autore del libro NA K14314 – Le strade della Mehari di Giancarlo Siani, che dialoga con il giornalista Emilio Spiniello sul tema La voce di Giancarlo. La storia di un giornalista scomodo.

Il secondo appuntamento della giornata, alle ore 21.00, è lo spettacolo Per vivere ogni tuo giorno, con la regia di Tommaso Bello, coreografie Annamaria Germano, scenografie Giuseppe Biancardi, musiche Arianna Cava, Aniello Montella, con Giulia Azzaruolo, Lucia Cava, Mattia Parrella e Tommaso Bello. Una performance con cui si prova ad immergersi in un’atmosfera magica: quella dell’amore, cercando di dare un senso al valore della nostra vita. Emozionarsi, capirsi, ascoltarsi, sono gli elementi essenziali di Per vivere ogni tuo giorno.

Nonostante la vita metta a dura prova attraverso le tante avversità quotidiane, causando numerosi disagi, dolori, sofferenze, angosce, paure e timori, bisogna avere sempre la forza di rinascere, di comunicare alla vita un messaggio diretto, semplice, di grande forza e coraggio: “Io non ti lascio mai, voglio vivere intriso d’amore ogni tuo istante”. Senza aver paura delle proprie fragilità, del giudizio degli altri e della propria sensibilità. Si cercherà di sottolineare l’amore attraverso le principali forme artistiche classiche e contemporanee.

 

LASCIA UN COMMENTO