Si ferma a Venezia la rincorsa della Sidigas Avellino.

0
916

Esce sconfitta dal PalaTaliercio la Sidigas Scandone Avellino: i biancoverdi cedono a Venezia per 76 a 65. La squadra di coach Vucinic, oltre a Filloy e Nichols (a referto per onor di firma), ha dovuto fare a meno anche di Ndiaye per problemi alla schiena. Nonostante le defezioni e le buone prove di Campogrande, Harper e Udanoh (tutti in doppia cifra), Avellino ci prova e rimane in partita fino ad inizio ultimo quarto.

Primo quarto (22-17): La Sidigas si schiera con Harper, Sykes, Sabatino, Green e Udanoh; De Raffaele risponde con Haynes, Tonut, Bramos, Watt e Biligha. Le due squadre si affrontano a viso aperto: apre Watt, che segna due volte, risponde prontamente Sykes. Harper realizza la tripla del vantaggio ma è ancora Watt coadiuvato da Biligha a dare il +4 a Venezia (11-7). Avellino inizia a difendere ed in attacco trova due conclusioni dalla lunga distanza con Campogrande e Sykes. I padroni di casa non stanno a guardare e rispondono con Daye. Udanoh va a schiacciare e lascia il posto a Campani ma un contropiede di Tonut costringe Vucinic al time-out (18-15). I biancoverdi si piazzano a zona ma Daye ne segna due facili, mentre Campani accorcia da sotto. La Sidigas ha l’ultimo tiro ma sbaglia e Tonut realizza sulla sirena (22-17).

Secondo quarto (41-32): De Nicolao segna subito da dentro l’area e la Reyer scappa sul +7. Ritorna Udanoh e subito ne mette due appoggiando al vetro, con De Raffaele che chiama sospensione (24-19). Parziale di Venezia: Udanoh commette fallo su Watt, che realizza entrambi i liberi. Avellino non segna e Watt e Daye da dentro l’area piazzano il break con Vucinic che blocca la gara (30-19). Torna sul parquet Harper, che concretizza un gioco da 4 punti. Venezia si affida a Watt che non sbaglia, si sblocca D’Ercole ma è ancora Watt a tenere a distanza la Sidigas (36-25). Venezia blocca l’attacco e la coppia Campogrande-Spizzichini ne approfitta riportando a -7 la Sidigas, con De Raffele a chiamare timeout. Nell’ultima azione Venezia dà la palla a Watt che non sbaglia (41-32).

Terzo quarto (62-50): Segna subito Udanoh, ma Biligha risponde prontamente. Le due squadre bloccano l’attacco ma è ancora Watt a realizza 5 punti consecutivi che provano a far scappare la reyer. Green s’iscrive a referto con un 2+1 ed Avellino è ancora lì (48-37). Dopo la tripla di Haynes, Avellino costruisce in contropiede un mini-parziale frutto dei canestri di Udanoh e Campogrande e De Raffele chiama time out (51-41). Avellino ritorna a -8 con la penetrazione di Harper ma Venezia costruisce un parziale di 5-0 grazie alla tripla di Tonut e all’appoggio di Widmar. Green fa 2/2, mentre Harper piazza la tripla del -9 (57-48). De Nicolao realizza da tre punti, Green dalla lunetta non sbaglia ma il terzo quarto si chiude con il 2/2 di De Nicolao (62-50).

Quarto quarto (76-65): Nei primi due minuti dell’ultimo quarto segna solo Tonut. Avellino non vede il canestro e in contropiede Cerella mette due punti che costringono Vucinic al time-out (66-50). Udanoh ritorna in campo e segna subito. Watt invece non sbaglia mai mentre Green fa 2/2 dalla lunetta (68-54). I biancoverdi provano a rientrare con Sykes ma Venezia si affida a Watt che tiene a distanza Avellino (72-58). Green segna la tripla e subito dopo due liberi. Haynes fa 1/2 e Udanoh piazza la schiacciata strappando applausi, Venezia batte Avellino 76-65.

Conclusa la conferenza post partita tra Reyer Venezia e Sidigas Avellino, che ha visto gli orogranata prevalere per 76-65 al termine dei quaranta minuti di gioco. Molte defezioni per la Sidigas, che si è presentata al Pala Taliercio priva di Ariel Filloy, Hamady Ndiaye e con Demetris Nichols in panchina ma non ancora pronto per giocare.

Queste le considerazioni di coach Nenad Vucinic al termine della sfida valevole per la 23esima giornata del campionato Legabasket Serie A:

Non abbiamo giocato bene contro Venezia questa sera, specialmente dal punto di vista offensivo e non riuscendo a punire i loro cambi difensivi. Dobbiamo pensare ad una gara alla volta, stiamo attraversando un periodo difficile e costernato da infortuni: l’obiettivo attuale è arrivare ai playoff con la miglior posizione possibile ma il match di questa sera non è andato secondo i piani e la settimana prossima ci aspetta la difficile trasferta di Pesaro.

Stasera abbiamo fatto fatica a contenere Watt: eravamo privi di Hamady Ndiaye, che solitamente fa un buon lavoro nell’area sulle situazioni di 1 vs 1, e abbiamo giocato con Udanoh, che non è propriamente un centro, che però ha avuto problemi di falli. Il piano originario era non far avere vita facile ai tiratori di Venezia e spingerli a giocare 1 vs 1 e credo che abbiamo fatto un buon lavoro in difesa da questo punto di vista ma, ancora una volta, la fase offensiva non ci è bastata a portarla a casa“.

LASCIA UN COMMENTO