Irpinia sportiva in lutto per la scomparsa di Paolo Pagliuca.

0
1347

L’Irpinia piange un suo figlio. Paolo Pagliuca non c’è più. Da tempo lottava contro un male, lo aveva definito lui stesso “il bastardo“. A gennaio il tumore si era ripresentato, quattro mesi di lotta contro un male che già aveva debellato una volta. Paolo questa volta non ce l’ha fatta, ma lascia in tutti noi un messaggio forte e chiaro.

Non arrendersi mai. Nel libro Paolo 1 – Linfoma 0 ha raccontato la sua esperienza, la lotto contro il bastardo che era riuscito a sconfiggere “Il mostro non si è ancora impadronito della mia mente, per fortuna. Ed è anzitutto con la forza di volontà che cercherò di combatterlo e di sconfiggerlo”.

Membro della famiglia Us Avellino nella gestione Rastelli e non solo. Negli ultimi tempi, Pagliuca, faceva parte del settore giovanile della Scandone Basket. L’Irpinia piange un lupo vero.

Il presidente dell’U.S. Avellino, Walter Taccone, profondamente addolorato per la scomparsa di Paolo Pagliuca, nell’esprimere le più sentite condoglianze e vicinanza alla famiglia, ricorda con grande affetto l’uomo e il professionista, per numerose stagioni sportive nello staff tecnico di questo club, operando sempre con passione, dedizione, da vero “lupo”. Ai sentimenti di cordoglio si uniscono dirigenti, staff tecnico, calciatori e tutti i tesserati e collaboratori dell’U.S. Avellino. “Ciao Paolo, sarai sempre nei nostri cuori”.

“Purtroppo dobbiamo dare una notizia che speravamo mai di scrivere. Ci ha lasciati Paolo Pagliuca . Tutta la famiglia SidigasScandone, è vicina alla famiglia. R.I.P. Paolo”. Si legge dalla pagina della Scandone.

I funerali si terranno domani alla Chiesa di San Ciro alle 15.30

LASCIA UN COMMENTO