Sidigas Avellino, sconfitta che brucia all’overtime contro Trieste.

0
796

Niente da fare per la Sidigas Scandone Avellino che cede 96-97 all’Alma Trieste dopo un over time. I biancoverdi di coach Vucinic in controllo della gara nei primi due quarti, hanno pagato un terzo quarto dove l’attacco irpino ha fruttato appena 13 punti contro i 25 degli avversari. Nonostante la sconfitta sono quattro gli uomini in doppia cifra per Avellino con Sykes autore di 29 punti ed Udanoh con 10 punti e 13 rimbalzi, buona la prova anche di Campogrande con 13 punti e 13 di valutazione.

Primo quarto (26-19): Tutto pronto alla palla a due del posticipo della 25esima giornata di Legabasket Serie A: coach Vucinic inizia con Sykes, Harper, Nichols, Green e Udanoh; coach Dalmasson replica con Wright, Dragic, Sanders, Da Ros e Knox. Si inizia subito forte sotto le plance, con i primi minuti che vedono le due formazioni segnare prevalentemente dai rispettivi pitturati: per la Sidigas si mette subito in ritmo tutto lo starting five, mentre i biancorossi feriscono i lupi con la fisicità di Knox. Harper ruba palla e va a schiacciare in contropiede per il 14-6: coach Dalmasson ricorre subito al time-out. Knox continua a spadroneggiare nell’area piccola, ma Avellino mantiene il vantaggio con il parziale di 5-0 dovuto alla bomba di Campogrande e al 2/2 ai liberi di Sykes (21-13). Reazione di Trieste, che trova 7 punti consecutivi intervallati solo dal layup di Sykes (23-17), sulla palla persa di Filloy e il contropiede di Cavaliero che vale il -4 ad un minuto dal termine del primo quarto, coach Vucinic spende il primo time-out della gara. Il periodo termina con la bomba di Sykes sul fotofinish (26-19).

Secondo Quarto (50-38): Mosley apre il secondo quarto con una schiacciata, per Avellino replica Campogrande con la tripla. Mini-break biancorosso di 4-0 firmato da Cavaliero e Da Ros prontamente annullato dal contro-parziale della Sidigas di 6-0 grazie alle triple di Filloy e Campogrande (35-25 a 6:40 dall’intervallo lungo). I biancoverdi continuano ad allungare, grazie ad un Campogrande in ottima forma, che prima ruba palla e poi va a scrivere il suo 13esimo punto a referto, alle triple di Filloy e Harper: è parziale di 10-2 per Avellino a metà quarto. L’Alma prova a ridurre le distanze col parziale di 6-0, Nichols ricaccia il tentativo con il tiro da due, ma ancora Strautins è abile a conquistarsi fallo mentre tira da tre, mettendo a segno i liberi a disposizione (47-36). Sykes trova tre punti consecutivi, ma è di nuovo Strautins a mettere in difficoltà la Sidigas con la schiacciata del 50-38, con cui si chiude il secondo periodo.

Terzo Quarto (63-63): Nichols segna dalla media, Trieste si affida a Wright e Mosley per tornare sotto. Ancora Nichols realizza da dentro l’area mentre Udanoh serve Harper che non sbaglia (56-44). L’attacco di Avellino si blocca con il solo Udanoh a segnare, Trieste ne approfitta e piazza il break: tripla di Sanders, mentre Dragic e Wright realizzano in penetrazione e Vucinic chiama time-out (58-53). Sanders piazza un’altra tripla portando Trieste a -2. I liberi di Sykes e Udanoh danno respiro ad Avellino ma Dragic impatta da tre (61-61) per la parità ed è poi Knox a regalare il primo vantaggio all’Alma, con il terzo quarto che termina sul layup di Sykes che decreta il 63 pari.

Quarto quarto (87-87): Per Trieste sale in cattedra Fernandez, che trova due canestri consecutivi intervallati dalla bomba da tre di Green. A poco meno di 7 minuti dal termine del match, è scambio di vantaggi tra le due formazioni, prima con il 2+1 di Sykes, poi con Dragic e poi ancora con Sykes e Green (72-70). Sanders e Knox combinano per 4 punti, ci pensa Nichols a mettere la toppa per la nuova parità (75-75 a 4′ dalla fine). Trieste non molla e rifila il pesante parziale di 5-0 con Cavaliero e Knox nel momento cruciale del match: coach Vucinic corre ai ripari chiamando time-out. Trieste segna ancora con Fernandez, la Sidigas si sblocca con le magie in penetrazione di Sykes che valgono il -3 biancoverde (79-82 con 1:39 mancanti). Sykes è il più in palla dei suoi, firma il punto numero 27 della sua partita sempre in layup, Wright controbatte nella sua metà campo ma Nichols realizza il tap-in dell’83-84. Sanders a 22” dalla fine mette in difficoltà i biancoverdi con la tripla del +4. Gli ultimi istanti sono adrenalina pura, con Sykes che prima conquista fallo e mette a segno i liberi e poi con la super difesa della Sidigas, che costringe Trieste alla palla persa sulla rimessa. Harper segna in arresto e tiro per l’87 pari, mandando il match ai supplementari.

Overtime (96-97): Dragic recupera palla a centro campo e corre in contropiede per l’87-89, Sanders fa 2/2 ai liberi e Green segna alla stessa maniera (89-91). Entrambe le squadre sono a bonus, si segna solo dalla lunetta: Nichols fa 1/2 e riporta la Sidigas a -1. Udanoh appoggia a tabella riportando momentaneamente Avellino in vantaggio, ma Dragic lo annulla con la tripla del 92-94. Ancora Udanoh dalla linea della carità con il 2/2, mentre dall’altra parte del campo Green commette il 5u00b0 fallo e manda in lunetta Mosley, che fa 1/2 (94-95). Harper segna entrambi i liberi e Dragic segna in penetrazione lasciando 7” sul cronometro e dando l’ennesimo vantaggio a Trieste (96-97). Sykes in penetrazione tenta di conquistare fallo, che non gli viene fischiato e il match va a Trieste.

Non basta un tempo supplementare alla Sidigas per portare a casa il match che l’ha vista sfidare l’Alma Trieste nel posticipo del 25esimo turno di Legabasket Serie A.

Questo il commento di coach Nenad Vucinic nella conferenza stampa che ha fatto seguito al match:

Risultato chiaramente deludente per noi, dopo una performance solida specialmente nella prima metà della gara. Abbiamo fatto fatica a portarla a casa ma, nonostante questo i giocatori non hanno niente da recriminarsi e questa sera hanno messo tutto l’impegno possibile. I rimbalzi offensivi sono stati un problema nella prima frazione, così come avremmo potuto fare meglio ai liberi. Trieste dal canto suo ha messo a segno tiri importanti nel secondo tempo

è una sconfitta che fa molto male, soprattutto perché avevamo concretamente la chance di vincerla: avevamo bisogno di questi 2 punti, che non siamo riusciti a conquistare la settimana scorsa. Siamo tutti al corrente della difficile situazione in classifica: lottiamo per i playoff insieme a molte altre squadre che sono agguerrite. La nostra difesa stasera è stata solida per tutti i 40 minuti ma di fronte avevamo un avversario dalle grandi capacità offensive: il campionato non è ancora finito, mancano 5 partite e siamo ancora in corsa per raggiungere l’obiettivo playoff“.

LASCIA UN COMMENTO