Vittoria all’overtime a Sassari che vale la testa della classifica per la Sidigas Avellino.

0
825

Inizia nella maniera migliore il 2018 della Sidigas Scandone Avellino, che batte in trasferta il Banco di Sardegna Sassari per 88-95 dopo un tempo supplementare, agganciando così Brescia e Milano in testa alla classifica. Gli uomini di Pino Sacripanti giocano una partita di grande spessore conducendo per la maggior parte del match e, anche quando i padroni di casa tentano la fuga, Rich e compagni non si perdono d’animo e riportano sui binari giusti chiudendo la gara all’overtime. Ottima la prova del solito Jason Rich, autore di 33 punti con 4/6 da tre e Fitipaldo, con 18 punti a referto.

Filloy apre il match alla sua maniera con una tripla, l’ex Jones s’iscrive a referto con il piazzato. D’Ercole segna dai 6,75, imitato poi dal play argentino. Sassari realizza con Hatcher ma Avellino è ancora avanti (7-9). Dopo due liberi di Polonara, Avellino segna quattro punti consecutivi con Rich dalla media e Filloy dalla lunetta. I padroni di casa rispondono con l’ex Jones che da dentro l’area pareggia (13-13). Entra Fitipaldo, che piazza subito la tripla, poi Spissu segna due punti da dentro l’area mentre Pierre fa 1/2 ed è ancora parità (16-16). Sassari trova punti facili dalla lunetta con Planinic, ma la Sidigas recupera palla con Wells che va a schiacciare, Fitipaldo invece riporta avanti i biancoverdi con una tripla a fine quarto (20-22).

Scrubb apre il quarto con la tripla, Hatcher segna due liberi ma è Fitipaldo con una penetrazione a dare il +5 alla Sidigas (22-27). Il play uruguaiano serve l’assist a N’Diaye che schiaccia, i padroni di casa rispondono con Planinic e Pierre, i quali costringono Sacripanti a chiamare time out (30-31). Dopo un libero di N’Diaye, Sassari fa il break con Bamforth e Jones e si porta avanti (35-32). Ritorna Fesenko e subito va a schiacciare mentre una tripla di Leunen permette alla Sidigas di riportarsi avanti. Jones pareggia ma Rich da tre spinge Pasquini al time out (37-40). Randolph segna due liberi dopo l’ennesima tripla di Rich. La guardia irpina fa bottino pieno dalla linea della carità ed Avellino chiude sul +4 il primo tempo.

Al ritorno dall’intervallo lungo Rich segna subito dalla lunetta, ma Hatcher risponde dalla media mentre Wells da tre dà il +7 alla Sidigas (43-50). Mini break di Sassari con Bamforth e Hatcher spezzato da Rich, che fa 1/2 dalla lunetta (48-51). Spissu segna due triple consecutive intervallate da un canestro di Leunen e riporta Sassari in vantaggio (54-53). Sassari prova a scappare con le triple di Spissu e Bamforth ma Rich spezza il break casalingo (61-55). Sassari segna ancora con Spissu, Sacripanti ripropone Fitipaldo che ripaga la fiducia del tecnico prima dalla lunetta e poi da 5 metri (68-59). Il play uruguaiano riporta sotto la Sidigas grazie alla penetrazione sulla sirena di fine quarto (68-61).

L’ultimo quarto si apre con Fesenko che segna 4 punti consecutivi intervallati da un canestro di Planinic (70-65). Polonara da sotto ridà il +7 a Sassari ma due triple consecutive di Scrubb e Fitipaldo riportano -1 la Sidigas e Pasquini chiama time out (72-71). Randolph realizza da dentro l’area ma Avellino pareggia con Fesenko e Rich (74-74). Dopo un canestro di Hatcher, Rich si mette in proprio e realizza due volte dalla lunga distanza dando il +4 alla Sidigas (76-80). La partita sale d’intensità: segna Jones, risponde Rich su assist di Leunen (78-82). Pierre e Jones segnano da dentro l’area mentre Filloy concretizza dalla lunetta (82-84). Bamforth fa 2/2 dalla linea della carità e pareggia. Nell’ultima azione Rich non segna ed è overtime (84-84).

Il supplementare si apre con con due punti di Scrubb dal pitturato e Fesenko che fa 1/2 (84-87). La difesa di Avellino diventa un fattore e Sassari non segna mai- Fesenko fa 1/2 e Rich segna da sotto con la Sidigas che vola sul +6 (84-90). I padroni di casa si rifugiano nel fallo sistematico ma gli uomini di Sacripanti sono precisi dalla lunetta ed Avellino espugna il PalaSerradimigni 88-95.

La Sidigas inaugura il 2018 con una vittoria sofferta sul parquet del Pala Serradimigni: i biancoverdi battono la Dinamo Sassari di coach Pasquini, al termine di un overtime, con il punteggio di  88-95.

Queste le dichiarazioni di coach Sacripanti nella conferenza stampa post partita:

È stata una bella partita dal punto di vista emotivo e cestistico: mi ha fatto molto piacere constatare la correttezza del pubblico di Sassari, che al termine del match si è congratulato con me e con la squadra.

Per quanto riguarda la partita, abbiamo rischiato un suicidio con quelle palle perse nel terzo quarto, che hanno permesso a Sassari di prendere un bel vantaggio. Per fortuna siamo riusciti a  rientrare bene e abbiamo avuto noi la palla decisiva del match, con l’arresto e tiro di Jason Rich, che è una sua caratteristica: sfortunatamente non è entrato ma siamo stati abili nel rimanere concentrati e nell’avere la giusta voglia di vincerla. Sassari ha tante armi che ci hanno messo in difficoltà: sicuramente ha influito tantissimo Bamforth, il loro punto di riferimento, ma anche  Spissu, con le sue triple ha portato Sassari in vantaggio.

Sono contento della mia squadra perché per la prima volta dall’inizio della stagione abbiamo usato tutti e 10 i nostri giocatori: non sarà facile per me gestirli da questo momento in poi ma ringrazio tutti loro per l’apporto e la dedizione che hanno messo nel corso del match.

Ci tengo inoltre a ricordare Frédéric Forte, che ci ha lasciato ieri, con cui avevo un rapporto profondo: era una persona di grande umanità, maturità ed equilibrio ed è stato un brutto colpo per me”.

LASCIA UN COMMENTO