Trading online: sono ancora possibili truffe?

0
632

Tra coloro che hanno a disposizione un certo capitale da investire sono ancora molti quelli che non si dedicano al trading online per timore di una truffa. Del resto capita spesso di leggere articoli che parlano di possibili raggiri, anche quando si parla di nuovi broker, come è avvenuto per pocket option. Le motivazioni che spingono questi personaggi sono da correlare al desiderio di ottenere più visualizzazioni sulla propria pagina internet, perché negli ultimi 10 anni d truffe nel mondo del trading online se ne sono viste veramente poche. In sostanza è più rischioso fare un prelievo dal bancomat sotto casa o una spesa con la carta di credito in un negozio tradizionale che investire nel trading online, utilizzando magari un nuovo broker come pocket option.

La sicurezza del trading online
Per sfatare il mito delle truffe nel trading online si deve partire dallo spiegare la peculiare situazione della Comunità Europea. In Italia e in tutti gli Stati dell’Unione l’ESMA vigila costantemente per controllare che nel mondo finanziario non ci siano truffatori o personaggi di malaffare. I nuovi regolamenti dell’ESMA hanno infatti ristretto le possibilità per il cliente non professionale, in modo da proteggerlo da speculazioni che potrebbero portarlo a perdite eccessive. Attenzione, anche l’ESMA non parla di truffe, perché in questo ambito sono rarissime, ma semplicemente di protezione dall’eccessivo rischio, correlato agli investimenti e non alla presenza di truffatori in rete. Ovviamente per approfittare di questo tipo di protezione è opportuno scegliere un broker affidabile, che abbia l’autorizzazione da parte di un qualsiasi organismo europeo di controllo, come ad esempio la Consob.

La presenza di siti poco sicuri
Nel mondo del trading online sono disponibili anche siti che sfruttano la loro immagine per irretire trader inesperti. Quest’affermazione è reale, ma riguarda essenzialmente quei siti che non sono mai stati verificati o controllati, o che non possiedono alcun tipo di certificazione. Per chi si avvicina al trading è fondamentale utilizzare esclusivamente i siti autorizzati legalmente, che lo mettono al riparo da qualsiasi tipo di truffa. Per altro facciamo lo stesso quando utilizziamo un sito di e-commerce, controllando che i pagamenti avvengano su piattaforme sicure, che non permettono al primo hacker di passaggio di clonarci la carta di credito. In sostanza non è possibile oggi cadere in una truffa che riguarda il trading online, semplicemente mantenendo un normale livello di cautela, lo stesso che ci convince a non acquistare uno smartphone di marca a 100 euro da un passante che incrociamo all’autogrill.

Ulteriori cautele
Se si vuole poi mantenersi completamente al sicuro nessuno ci impedisce di non comunicare i dati della nostra carta di debito, o di credito, al broker con cui facciamo trading online. Oggi sono disponibili numerosi servizi di portafogli elettronico, che consentono di versare fondi su qualsiasi conto, di pagare un acquisto o un abbonamento, senza comunicare al sito con cui stiamo trattando i dati dei nostri metodi di pagamento. I portafogli elettronici possono essere utili anche per conservare i soldi guadagnati con il trading online, per poterli utilizzare come si crede.

LASCIA UN COMMENTO