5 anni fa l’alluvione nel Sannio, Ad Rummo: non è cambiato niente.

0
360
I volontari del gruppo comunale di Protezione Civile di San Severino Marche scavano nel fango per liberare la linea di produzione ma anche i capannoni e il piazzale del pastificio Rummo, nella zona industriale di Benevento, 21 ottobre 2015. I volontari del gruppo comunale di Protezione Civile di San Severino Marche sono arrivati nel primo pomeriggio di ieri nel Beneventano per prestare aiuto alle popolazioni e alle attività colpite dall'alluvione che nella notte tra il 14 e 15 ottobre ha provocato, fra l?altro, l?esondazione del fiume Calore. ANSA/ UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI SAN SEVERINO MARCHE +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture


Realizza un sito web ecommerce di successo - Kynetic web agency a Salerno e Milano


A cinque anni dall’alluvione, che causò vittime e ingenti danni sia al settore agricolo che imprenditoriale nel Sannio, l’area industriale di Benevento ancora non è stata messa in sicurezza: lo denunciano i titolari delle aziende “Pastificio Rummo” e “Agrisemi Minicozzi” che andarono letteralmente distrutte e divennero il “simbolo” di un disastro, forse “annunciato”.

“Il nostro stabilimento – ricorda Cosimo Rummo, ad dell’omonimo pastificio – fu travolto da un’onda alta otto metri e mezzo. Fu un miracolo che nessuno dei nostri dipendenti ci lasciò la vita. Come un miracolo è stato l’impegno di tutti i nostri operai che ci hanno aiutato e sostenuto a rilanciare l’azienda, tanto che in base al sondaggio Doxa dello scorso mese di giugno la nostra è la pasta preferita dagli italiani”.

“Ma – continua Rummo – a distanza di cinque anni da quella tragedia, dobbiamo registrare che nessuna opera seria di messa in sicurezza dell’area industriale di Benevento è stata praticata: una situazione che mette a rischio il futuro delle aziende ivi localizzate e di centinaia di operai”.

Della stessa opinione anche Antonio Minicozzi, amministratore dell’omonimo gruppo industriale e leader in Campania del settore cerealicolo.

“Il maltempo di oggi – dice Minicozzi – ricorda quella triste giornata di cinque anni fa quando i nostri capannoni vennero invasi dall’acqua fino a dieci metri di altezza distruggendo tutto. Ora a distanza di un lustro, grazie all’impegno della famiglia e dei nostri operai, investendo con le nostre forze il 90 per cento delle risorse necessarie, abbiamo rimesso su l’azienda che è tornata ai fatturati del 2014, l’anno precedente l’alluvione”.

“Ma – conclude Minicozzi – l’intera area ancora non è stata messa in sicurezza e questa situazione, ogni qualvolta si abbatte un nubifragio sulla zona, ci mette ansia, paura, riportando la nostra mente al dramma che abbiamo vissuto il 15 ottobre 2015”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here