Confesercenti, Marinelli: segnali di fiducia sulle prospettive, ma in Irpinia il commercio va ancora a rilento. Velocizzare e sburocratizzare accesso a benefici.

0
518
Villaggio Turistico Golden Beach a Paestum in Cilento, bandiera blu, prenota la tua vacanza al mare

“Il calendario di riapertura delle attività, insieme all’avanzare del Piano vaccinale e alla diminuzione dei casi di Covid 19, sta determinando anche in Irpinia, come nel resto del Paese, un clima di fiducia, che però va consolidato e tramutato in una ripresa concreta, proseguendo con misure mirate a sostenere il rilancio”. Così Giuseppe Marinelli, presidente provinciale di Confesercenti.

“Gli indicatori Istat – ha proseguito il dirigente sindacale – relativi al clima di fiducia dei consumatori e delle imprese, che soprattutto in alcuni ambiti stanno investendo sulla sicurezza, rilevano nel mese di maggio un significativo incremento, che può trasformarsi in un aumento dei consumi e in una inversione di tendenza della più difficile crisi registrata dal dopoguerra. Nel 2020 infatti la pandemia e le conseguenti restrizioni hanno causato un crollo dei redditi da lavoro autonomo e dipendente di 90 miliardi di euro, con un aggravarsi delle disparità sociali, e un calo della spesa stimato in 123 miliardi, pari a 5.000 euro a famiglia. Le criticità che restano sul tappeto comunque sono ancora molte. I settori più in difficoltà restano il commercio di prossimità, insieme al comparto turistico-alberghiero e della ristorazione, che sono stati duramente colpiti dall’emergenza. Il decreto Sostegni bis ha recepito diversi provvedimenti chiesti da Confesercenti, ma è fondamentale che le risorse arrivino velocemente alle imprese, non solo accelerando sui ristori, ma sburocratizzando il più possibile l’accesso ai benefici fiscali e contributivi. Un aiuto importante, inoltre, dovrà venire anche dai Comuni, per agevolare le attività all’aperto di bar e ristoranti”.

“Il percorso di ripresa e di rilancio – ha concluso Marinelli –, qui in provincia di Avellino, come altrove, è insomma appena cominciato. E’ necessario un confronto continuo, a tutti i livelli, tra istituzioni e parti sociali, al fine di strutturare una strategia complessiva d’intervento, per superare la crisi e rilanciare l’economia e l’occupazione. La Confesercenti irpina, dal canto suo, prosegue il proprio impegno e sforzo, nel raccogliere le istanze degli operatori commerciali e del mondo produttivo, organizzandoli in una rete sempre più radicata sul territorio e attenta alle esigenze quotidiane delle imprese”.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here