Fib Sud di Nusco, situazione drammatica, i lavoratori: scaricati da tutti.

0
759

Situazione delicata per i 27 lavoratori della Fib Sud di Nusco. La proprietà ha revocato il fitto di ramo d’azienda e la curatela fallimentare ha respinto la revoca ritenendola illegittima: difficile la ricerca di una soluzione per i 27, dopo che i vertici della Fib Sud avevano inviato ai rappresentanti la comunicazione di licenziamento collettivo.

I lavoratori sono stati scaricati da tutti, vittime di un’azienda che ha prima disatteso tutti gli accordi precedentemente sottoscritti e successivamente ed inspiegabilmente revocato il percorso che si stava ipotizzando attraverso un accordo di cassa integrazione per cessazione di un anno con diritto di prelazione dei lavoratori negli stabilimenti Ics di Avellino e Repiombo di Calitri”, scrivono i segretari di Fiom e Uilm.

 “Secondo la curatela fallimentare la revoca del fitto in base agli accordi sottoscritti non può essere eseguita dalla proprietà della Fib Sud e pertanto i lavoratori si ritrovano in una sorta di limbo come le anime temporaneamente parcheggiate, in attesa che qualcuno si adoperi a prenderli in carico per aprire un confronto con il sindacato”.

Per queste ragioni sindacati e lavoratori venerdì 3 gennaio, alle 10, si recheranno dal Prefetto di Avellino “chiedendo la convocazione urgente delle parti interessate con la speranza, nell’esclusivo interesse dei lavoratori, di uscire in qualche modo da questa situazione di impasse.Il nuovo anno si apre nel peggiore dei modi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here