Giovani senza… Quali politiche in tempi di crisi

0
254

Lunedì 28 luglio, alle 17,30, La lega Irpina per le Autonomie Locali organizza ad Avellino, nella sala dell’ex Asilo Patria e Lavoro, un pubblico dibattito sul tema:

“Giovani senza …
Quali politiche in tempi di crisi”

Il convegno intende contribuire a tracciare le linee di una possibile politica giovanile territoriale nelle attuali condizioni socio-economiche del Paese e della Regione attraverso il confronto tra i rappresentanti dell’associazionismo giovanile e degli Enti locali in merito alla definizione delle strategie, dei progetti, del rapporto dei giovani con la loro città, anche come luogo in cui immaginare il loro domani. L’incontro si svolge nel quadro delle iniziative promosse per valorizzare la “Carta europea della partecipazione dei giovani alla vita comunale e regionali” adottata dal Congresso dei poteri locali e regionali d’Europa le cui finalità sono state formalmente condivise dalla Giunta Regionale della Campania.

I temi che saranno accennati nell’introduzione saranno i seguenti: In 20 anni è cambiata la preposizione che accompagna normalmente la parola “giovani”; nel 1980, ed anche prima, in Irpinia si era, per così dire, “giovani con …”, con la speranza di futuro, con la speranza di risorgere dalle macerie della ricostruzione e vivere in una provincia liberata dal clientelismo, con la voglia di lottare per un mondo più giusto e libero, con un lavoro o con la quasi certezza di trovarlo; da qualche anno la preposizione che accompagna la parola “giovani” è “senza”; le ragioni di questo cambiamento sono tante; è interessante indagare, ad esempio: se il crollo dell’occupazione è l’effetto della crisi o risponde a problemi strutturali; quale corrispondenza c’è tra l’istruzione erogata in Irpinia e l’offerta di lavoro; come può essere migliorato il rapporto tra scuole secondarie ed Università; come possono essere messi a profitto i nuovi percorsi di qualificazione professionale che hanno a disposizione i giovani; quali opportunità che offre in senso più complessivo la città. Ma non è più sufficiente indagare sulle ragioni del cambiamento dal “con” al “senza”; servono proposte ed azioni congruenti, corrispondenti ed urgenti per ribaltare il piano inclinato lungo il quale si è incamminata la Provincia di Avellino dove la politica si è impantanata negli scontri interni ai partiti e dove le soluzioni sono addirittura più complesse di quelle immaginabili per le aree più forti del Mezzogiorno o per le aree del Centro-Nord. Quale contributo, allora, possono dare gli Enti locali, il mondo della scuola e dell’alta formazione, il mondo dell’associazionismo giovanile, le forze politiche? Ci sono buone pratiche che possono essere assunte come modello? E Salerno può essere uno di questi? Si può impostare un progetto per l’Irpinia? In che maniera può contribuire la Regione Campania? Su questi temi si svilupperà il dibattito.

Il Convegno è così organizzato

Introduzione:

Giuseppe Vetrano, Lega Irpina Autonomie Locali 

Relazioni:

Stefano Luongo, Presidente Forum Giovani AvellinoLucia Vietri, Assessore Politiche Giovanili Comune di AvellinoNunzio Cignarella, Assessore alla Cultura Comune di Avellino e Vincenzo De Luca, Sindaco Comune di Salerno.

E’ previsto l’intervento delle associazioni giovanili locali, di rappresentanti del mondo scolastico e di esponenti politici.

LASCIA UN COMMENTO