Incidente mortale sulla Statale 90, morti 3 giovani di Ariano Irpino.

0
384
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

Terribile incidente stradale sulla Statale 90 delle Puglie in Provincia di Foggia. Violento l’impatto con una Dacia Duster. Le vittime dell’incidente stradale sono tre moticiclisti della provincia di Avellino: Emilio D’Avella, di 30 anni, di Ariano Irpino, Pamela Mustone, di 33, di Melito Irpino, e Emanuele Serafino, di 32, di Ariano Irpino.  I corpi delle tre vite spezzate in un giorno di festa, sono stati sbalzati nei campi circostanti. I sanitari del 118 non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Pamela Mustone ed Emilio D’Avella erano fidanzati. Gestivano il bar ‘Voglia di Caffè’. Sorridenti, con la battuta pronta, gentili e mai sgarbati. Erano fatti così. Emilio ed Emanuele condividevano la passione per le moto e da alcuni giorni avevano programmato di spingersi in Capitanata, dove purtroppo, terminato il pranzo, si è consumata la tragedia. A Emanuele piaceva scherzare, Emilio aveva la battuta pronta. Nel locale che gestiva dal 2015 ci andava tutta Ariano.

Intanto, però, l’uomo alla guida della Dacia Duster è stato arrestato per omicidio stradale. Si tratta di Francesco Antonio Maffei, 40 anni di Orsara di Poglia. Stando a quanto si apprende, il 40enne foggiano, dopo essere stato trasportato in ospedale e giudicato guaribile in 30 giorni, è risultato positivo ai cannabinoidi e alla cocaina. Velocità non commisurata al codice stradale. Le indagini dei carabinieri su disposizione della procura di Foggia sono state immediate.

Le salme dei tre giovani si trovano ancora presso l’obitorio all’ospedale Riuniti di Foggia per i relativi accertamenti medico legali in attesa di ulteriori disposizioni da parte della magistratura relativamente all’esame autoptico. A difendere i familiari delle vittime gli avvocati arianesi Raffaela Manduzio e Giovanni Pratola.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here