L’Abbazia benedettina del Santo Salvatore de Telesia ospita Medievalia sabato 27.

0
525
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture


Realizza un sito web ecommerce di successo - Kynetic web agency a Salerno e Milano


1911695_711877998906515_9068066790212085365_nRaccontare e Descrivere è il terzo ed ultimo appuntamento nel territorio beneventano di Medievalia che si terrà sabato 27 Settembre presso l’Abbazia benedettina del Santo Salvatore in San Salvatore Telesino (Bn).

Medievalia giunta alla XXI edizione, è stato per anni un evento che si è svolto principalmente in Terra di Lavoro.

La novità dell’ edizione 2014 è stato l’inserimento del Sannio con tre tappe importanti: a Faicchio (Bn) l’11 maggio alla Festa medievale a Torre Vecchia di Marafi, successivamente il 7 Settembre al Borgo antico di Castelvenere (Bn) promosso dalla Pro-Loco e in ultimo quello che si svolgerà il 27 Settembre a San Salvatore Telesino (Bn).

L’evento è ideato ed organizzato dall’ Associazione Culturale “Francesco Durante” di Caserta e dall’ Associazione Culturale “Ave Gratia Plena” di Limatola (Bn), inoltre si avvale della collaborazione del Centro Studi per il Medioevo di Terra di Lavoro e di Enti ed Associazioni per il supporto logistico.

Medievalia si è contraddistinta negli anni a seguito di un meticoloso studio sui diversi aspetti del periodo, senza tralasciare nessun argomento di valenza storico-socio-culturale.

Medievalia fotoIl programma del giorno 27 Settembre prevede l’inizio alle ore 17.15 con visita guidata del luogo; alle ore 17.30 inizio conferenza–dimostrazione “Biblia pauperum: raccontare per immagini” con la dr.ssa Maria Antonietta Aceto; a seguire la conferenza, “Tecniche e testi del giullare” con il dott. Antonio Rea; infine chiuderà con la conferenza–dimostrazione, “Descrivere il territorio: cartografia e misure medievali il dott. Pietro Di Lorenzo.

La serata proseguirà con il concerto-spettacolo “Raccontare con la musica” Gruppo Vocale Strumentale e di Danza Antica “Ave Gratia Plena”.

E’ un coinvolgimento di parole, canti, musica e danza. La riproduzione fedele degli strumenti musicali dell’epoca, evocano suoni e melodie che si sposano con le danze in costume, inscenando uno spettacolo di grande spessore senza lasciare nulla all’improvvisazione o alla facile spettacolarità, ma per dare vita ad una delle serate più suggestive nell’abbazia benedettina del Santo Salvatore.

L’invito è aperto a tutti.

Ingresso gratuito.

 

 

Esterina Pacelli

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here