Approvato Ddl al Senato su demolizione manufatti abusivi. Longo (FI):Restituiamo ai campani quanto negato dalla Giunta Bassolino.

0
46

E’ stato approvato in Senato il Ddl, a firma dei Senatori campani, avente oggetto “disposizioni per la razionalizzazione delle competenze in materia di demolizione dei manufatti abusivi”.

“Si tratta di un provvedimento che permette ai cittadini campani, nonchè all’autorità giudiziaria”, spiega la Senatrice salernitana Eva Longo, del Gruppo Forza Italia-PdL, Segretario della 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro), “di avere uno strumento normativo efficace che stabilisce dei criteri di priorità per avviare le procedure di demolizione dei manufatti edilizi abusivi. Nel concreto, è stato aggiunto un articolo, il 44 bis, al DPR 6/6/2001, n.380, “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia.”, che va appunto a definire tali criteri. Vengono così stabilite delle priorità e delle condizioni perchè possa essere avviata la procedura di demolizione dell’immobile andando ad affrontare  quelli che vengono chiamati  “abusi di necessità”, ossia quelle situazioni in cui il cittadino è intervenuto per far fronte all’insufficienza del patrimonio edilizio abitativo o inadeguatezza degli strumenti urbanistici.”

“In particolare”, continua la Sen. Longo, “perchè possa essere avviata la procedura di demolizione, occorra che sia individuata una situazione di pericolo già accertato di incolumità pubblica o privata, oppure che l’immobile in oggetto sia ancora in corso di costruzione o comunque allo stato grezzo, oppure ancora che sia stato utilizzato per lo svolgimento di attività criminali, oppure ancora nella disponibilità di soggetti condannati in via definitiva per reati di cui all’Art. 416 bis, o ancora ci si trovi nella fattispecie di immobili di rilevante impatto ambientale, costruiti su area demaniale o soggetti a voncolo ambientale e/o paesaggistico, immobili complessi o villaggi turistici o comunque oggetto di lottizzazione abusiva, immobili non stabilmente abitati (case di villeggiatura), immobili adibiti ad attività produttiva, industriale o commerciale, immobili la cui titolarità è riconducibile a nuclei familiari che dispongono di soluzioni abitative alternative, per tutti gli altri immobili non ricompresi nelle categorie precedentemente indicate deve essere stato già pronunciato ordine di demolizione da parte del Giudice ai sensi dell’Art. 665 Cpp.”

“Questa proposta”, conclude la Sen. Longo, “è stata presentata dai Senatori campani di FI-Pdl, alla quale avevano aderito anche altri Senatori del nostro gruppo ed alla fine c’è stata anche la convergenza da parte di alcuni esponenti del PD campano. L’iter di approvazione del Ddl è stato molto tormentato, soprattutto a causa dell’opposizione dei gruppi della Lega Nord e del M5S, i quali vedevano questo provvedimento come l’ennesima deroga agli abusi concessa alla Regione Campania, dimenticando però che quando fu emanato il condono edilizio, non vi furono disposizioni attuative da parte della Giunta Regionale della Campania, all’epoca guidata da Bassolino. Ci si trovava pertanto di fronte ad un’assoluta incertezza e mancanza di strumenti normativi, che è stata sanata oggi da parte del Senato Della Repubblica. Oggi, dopo due tentativi di sospensione, si è arrivati finalmente all’approvazione del Ddl. Si tratta di un tema che mi ha visto impegnata in prima persona fin da quando sono arrivata in Parlamento e prima ancora quando ero Consigliere Regionale della Campania.”

LASCIA UN COMMENTO