Gelo e neve, le scuole non riaprono, temperature sullo zero almeno fino a sabato.

0
398

Restano chiuse le scuole in Provincia di Avellino a causa della neve e delle temperature sottozero. Irpinia nella morsa del gelo e torna la neve. Primi fiocchi stamattina a Montemarano e molti comuni della Alta Irpinia. Nevica anche nella Valle del Cervaro. A partire da Greci, dove non sono mancati i disagi per i lavoratori pendolari e studenti, alle prese con strade ancora rischiose, tra lastre di ghiaccio e cumuli di neve.

Le strade provinciali e autostrada non presentano disagi. L’intenso nevischio, che sta accompagnando gli automobilisti in viaggio, non sta creando pericoli sulle principali arterie. Circolano regolarmente i mezzi antineve in A16. Insomma, per i pendolari, costretti a spostarsi per studio o lavoro, oggi tra Valle Ufita e Alta Irpinia i disagi sono solo quelli che si presentano ad uscire dai paesi. Qualche disagio si registra lungo l’Ofantina tra Parolise e Montella.

Nevica anche a Nusco, Savignano Irpino, Ariano e comuni limitrofi. Ma si tratta di pochi fiocchi, che secondo gli esperti non porteranno alcun disagio.

Oggi scuole chiuse in molti comuni della provincia per evitare rischi a personale, docenti e alunni. Niente lezioni, dunque, ad Ariano Irpino, Greci, Savignano Irpino, Cassano Irpino, Montemarano, Bisaccia, Andretta, Conza della Campania, Teora, Montemarano, Lioni, Sant’Angelo dei Lombardi, Frigento, Sturno, Gesualdo, Villamaina, San Nicola Baronia e Calitri. Proprio a Calitri l’istituto comprensivo «Manzi», le cui classi si stanno trasferendo nello stabile della scuola superiore «Maffucci», resterà chiuso anche domani per completare ogni trasferimento.

Ieri la tregua neve. Ma qualche fiocco ha fatto capolinea tra Bisaccia e Lacedonia.

La settimana inizia, dunque, con temperature molto rigide e proseguirà nel segno del freddo e dell’instabilità.
Oggi il cielo sarà solcato da banchi nuvolosi irregolari, che potranno essere causa di sporadiche precipitazioni, a prevalente carattere nevoso. Le temperature massime saranno generalmente comprese fra 0 e 3°C. La giornata di domani si aprirà con il sole, ma, al tempo stesso, con temperature inferiori agli 0°C su tutto il territorio provinciale, nonché con estese gelate. Mercoledì torna l a neve con precipitazioni, che assumeranno carattere nevoso sino a quote di bassa montagna . Gioveedì e venerdì ancora instabilità con neve all’orizzonte.

Le strade, intanto, sono tutte sicure e percorribili. Almeno quelle principali. restano i disagi nelle contrade rurali dei paesi ad alta quota. I mezzi spargisale degli enti competenti continuano ad essere all’opera, sia prima dell’alba sia durante le ore serali e notturne. Il pericolo del ghiaccio è dietro l’angolo. Sulle strade provinciali, su quelle Anas e nel tratto tra Baiano e Candela dell’autostrada A16 è stato predisposto l’obbligo delle dotazioni invernali per i veicoli, quindi pneumatici da neve o catene a bordo.

Ci sono anche posti di controllo ai varchi per garantire la sicurezza.

Le forze dell’ordine hanno predisposto un servizio straordinario di controllo sull’autostrada A16 Napoli-Canosa, l’Ofantina Bis, la statale 90 delle Puglie e il raccordo Avellino-Salerno, in linea con quanto stabilito in Prefettura alle riunione Cov supervisionato e coordinato dal prefetto Maria Tirone e dalla dirigente della Protezione civile di Palazzo di Governo, Ines Giannini.

Società Autostrade raccomanda attenzione per la giornata odierna: «Possibili nevicate a quote basse potranno interessare fino alla tarda mattinata, ancora i tratti della A14 Bologna-Taranto e della A16 Napoli-Canosa».

LASCIA UN COMMENTO