Hospice e prevenzione, il perchè del 5×1000 all'House Hospital.

0
70

Progetti sociali e sanitari da realizzare con lo scopo di potenziare i servizi e per soddisfare i bisogni di salute delle fasce più deboli della popolazione campana.

Anche quest’anno l’Associazione House Hospital onlus, presieduta dalla dottoressa Rosa Vitiello, chiede ai cittadini campani di inserire sul modello CUD e sul modello 730, alla voce associazioni di volontariato, il codice fiscale 07274050637, per destinare il meccanismo fiscale del 5 per mille al finanziamento di una serie di progetti rivolti a pazienti e familiari ospiti degli Hospice di Solofra in provincia di Avellino e di Casavatore, in provincia di Napoli, e a campagne di sensibilizzazione e di prevenzione su tutto il territorio regionale.

L’Associazione House Hospital onlus, che opera non solo in Campania ma anche in altre regioni italiane, si occupa da oltre un decennio di: volontariato, assistenza sociale, socio-sanitaria e sanitaria; tutela dei diritti civili; educazione, formazione continua e professionale; istruzione; ricerca scientifica e tecnologica prevalentemente in Oncologia e Cardiologia; ambiente; cultura; protezione civile; sviluppo sociale ed economico del Mezzogiorno, in favore dei cittadini, degli anziani, dei bambini, delle donne, degli ammalati, degli immigrati, delle generalità delle popolazioni e delle fasce deboli. Per lo svolgimento di queste attività, House Hospital ha già ricevuto la medaglia d’argento al merito del Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. Inoltre, House Hospital è membro della Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia (Favo) e fa parte dell’European Cancer Patient Coalition, l’organismo che riunisce oltre trecento associazioni di malati di cancro in tutta l’Unione Europea.

House Hospital ha sottoscritto numerosi protocolli d’intesa con enti, associazioni e prestigiosi istituti di ricerca per attività di prevenzione e di carattere scientifico, inoltre è stata iscritta dal Ministero della Salute all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche e ha ottenuto la certificazione del Sistema Gestione Qualità Aziendale in conformità alle norme ISO 9001:2008, per le attività riguardanti la “Progettazione ed erogazione di corsi di formazione e di aggiornamento in ambito professionale, sociale, sanitario e sociosanitario di tipo residenziale e a distanza”. Il prestigioso riconoscimento di qualità è stato rilasciato dall’United Registrar of Systems (URS), una società del Gruppo ROS.

Infine, l’Associazione House Hospital onlus, come lo scorso anno, lancia la campagna “Più dai meno versi”, rivolta agli imprenditori, i quali, in base all’articolo 14 della Legge n. 80 del 2005, possono devolvere in azioni di carattere sociale fino a 70mila euro ogni anno, ottenendo in cambio sostanziose agevolazioni fiscali. Con tale meccanismo, già ampiamente adottato in altre realtà in Italia, gli imprenditori potranno anche sponsorizzare gli appartamenti dei degenti degli Hospice e finanziare i progetti rivolti al loro benessere e al miglioramento della loro condizione.

 

LASCIA UN COMMENTO